ABC Widgets

06/12/21

A riveder le stelle. Al Museo Eremitani di Padova con Dante, Giotto e i protagonisti della figurazione italiana

Sergio Padovani, La Cupa Gioia o pala dei peccatori, 2020, olio, bitume e resina su tavola a pala d'altare, cm 100x120

Al Museo Eremitani di Padova sarà allestita, dal 30 ottobre 2021 al 30 ottobre 2022, A riveder le stelle, mostra promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova in collaborazione con “The Bank Contemporary Art Collection” e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Curata da Barbara Codogno, l’esposizione raccoglie una quarantina di opere di grandi dimensioni, alcune delle quali realizzate per l’occasione, tutte provenienti dalla collezione bassanese, che ha chiamato a raccolta i nomi più celebrati del panorama figurativo italiano, con l’aggiunta di un cameo internazionale.

Attraverso la figurazione italiana contemporanea, si compie un omaggio a due pilastri della cultura trecentesca – Giotto e Dante – che rivoluzionarono il loro tempo, traghettando pittura e prosa nel futuro.

Massimo punto di raccordo tra i due autori medievali sono le stelle: le stelle di Giotto, ormai icona della Cappella degli Scrovegni, che ne sigillano la splendida volta, e quelle invocate da Dante nell’ultimo verso dell’Inferno, quando con Virgilio, dopo aver superato le tenebre, il Poeta contempla il cielo stellato, presagio del nuovo cammino di luce e di speranza.

Giovanni Gasparro, Labano cerca gli idoli nel baule di Giacobbe, 2013, olio su tela, cm 119x151

Le atmosfere narrate da Giotto e Dante vengono evocate dalle opere di Agostino Arrivabene, Saturno Buttò, Marco Fantini, Sergio Fiorentino, Giovanni Gasparro, Alfio Giurato, Federico Guida, Maurizio L’Altrella, Paolo Maggis, Vittorio Marella, Nicola Nannini, Sergio Padovani, Alessandro Papetti, Luca Pignatelli, Desiderio Sanzi, Chiara Sorgato, Nicola Verlato e Santiago Ydanez, esposte nelle sale per le mostre temporanee del Museo Eremitani, appena ristrutturate con nuove scelte allestitive.

La mostra si articola in sezioni con rimandi a particolari degli affreschi della Cappella degli Scrovegni, secondo una prospettiva curatoriale che – spiega Barbara Codogno – «non vuole essere didascalica, tanto meno agiografica o passatista, piuttosto evocativa e suggestiva, rimanendo però fedele al percorso di luce tracciato sia da Dante che da Giotto e traghettando perciò lo spettatore verso il sollievo della rinascita indicata dalle stelle».

L’esposizione, che sarà inaugurata venerdì 29 ottobre, alle ore 17.30, in Sala Romanino (prenotazione obbligatoria su www.eventbrite.com), sarà accompagnata da un catalogo Antiga Edizioni con un testo critico di Barbara Codogno e un racconto inedito di Gabriele Dadati. Nel corso della mostra sono previsti reading, performance ed eventi musicali.

Saturno Buttò, Ritratto di Angela, 2016, olio su tavola, cm 60x60

 

Per informazioni:

Museo Eremitani
Piazza Eremitani 8, 35121 Padova
T. +39 049 8204551
comunicazione.cultura@comune.padova.it
www.padovamusei.it
www.facebook.com/padova.musei/
www.instagram.com/padovamusei/

The Bank Contemporary Art Collection
Via Orazio Marinali 52, 36061 Bassano del Grappa
info@thebankcollection.com
www.thebankcollection.com
www.facebook.com/thebankcontemporaryartcollection/
www.instagram.com/thebankcontemporaryart/

 

Copyright © ArtsLife 2021

Cancellati

Problemi di visualizzazione? Guarda nel tuo browser.

Footer