Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Andreotti Federico 1847 – 1930

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Federico Andreotti

Andreotti Federico  (Firenze, 6 marzo 1847 – Firenze, 1930) è stato un pittore italiano.

Biografia

Inizialmente ha studiato con Angiolo Tricca, Stefano Ussi, e presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze.

In un concorso, ha vinto una borsa di studio e, infine, ha guadagnato la nomina a professore presso l’Accademia.

Era prolifico come pittore di tele a Roma, Firenze, e in altre città.

Si dedicò all’olio, all’acquerello ma anche all’affresco, dipingendo paesaggi, ritratti, figure femminili, scene di genere, scene storiche e nature morte con scenari storici soprattutto seicenteschi e settecenteschi.

Nelle sue opere ha miscelato una certa precisione tecnica su territori impressionisti.

Come illustratore lavorò per Renato Fucini illustrando il racconto Dolci ricordi nelle Veglie di Neri.

Nelle sue opere ha miscelato una certa precisione tecnica su territori impressionisti.

Morì a Firenze nel 1930.

 

Alcune opere:

Il Savonarola che caccia dalla sua cella due sicari della Bentivoglio (1864)

The Violin Teacher, circa 1875-1890, Glasgow, Kelvingrove Art Gallery and Museum

Lover’s Song (1876)

Portrait of Edith Sancroft-Kohnes, bust-length, in a black dress (1877)

Ritratto maschile (1877)

Tavern Scene with Cavaliers (c.1880)

Nel parco (1882)

Sentiero nel parco (1882)

A Lady of Fashion (c.1885/90)

Antignano (1892)

Parklandschaft mit Blumenstilleben (1904)

Il giardino della villa (1906)

Paesaggio (1909)

Ritratto di Avvocato (1914)

I Crapuloni

The Tavern

The Reconciliation

The Music Teacher

A chi dei due

Una battuta de’aspetto

Returning from the Fields

Half-figure of Old Man

The Grandfather

Interrupted Dance

Countryside Idyll

An English Beauty

The Introduction

The Music Lesson

The Proposal.

 

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW