Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Bosia Agostino 1886 – 1962

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Bosia Agostino

Agostino Bosia (Torino, 15 ottobre 1886 – Torino, 20 marzo 1962) è stato un pittore italiano.

Biografia

Agostino Bosia nacque nel 1886 a Torino.

Già nello studio del primo maestro, Giovanni Giani, aveva assistito alla metamorfosi del solenne “quadro storico”, qual era inteso da un Gastaldi o da un Enrico Gamba, in scena di genere trattata con minuzioso e manieroso verismo.

Ma contro tali tendenze, nella Torino del primo Novecento, si affermavano le ambigue squisitezze del simbolismo bistolfiano; anche il giovane Bosia fu conquistato dai virtuosistici effetti di luce, da quei lenti ritmi lineari che miravano a vincer l’inerzia della pietra, a trascendere la materia aspirando a una spirituale purezza che, troppo spesso, si traduceva in vago sentimentalismo e in piacevolezza decorativa.

Del Bistolfi il Bosia dipinse un ritratto – oggi conservato nella torinese Galleria d’arte moderna – caratteristico per l’intonazione cinerea, che si ritrova anche nei paesaggi (Lungo il Po, Roma, Galleria nazionale d’arte moderna), non immuni da reminiscenze fontanesiane.

Apprezzato come ritrattista (Ritratto di bimba, Torino, Civica galleria d’arte moderna), il Bosia partecipò alle principali manifestazioni artistiche: oltre che nei cataloghi delle Promotrici torinesi, il suo nome compare fra gli espositori assidui a Roma e alle Biennali di Venezia.

Qui egli poté avere esperienza diretta di quegli aspetti della pittura europea che al principio del nostro secolo riscuotevano in Italia largo tributo di ammirazione; soprattutto le allegorie di Hodler, esteriormente scarne e intimamente scarse di valori pittorici, dovettero riuscire al Bosia più congeniali delle estrose decorazioni e della vivida policromia di Gustav Klimt, che pure è stato citato fra le componenti della sua cultura.

In realtà, il pittore cerca di coprire una fondamentale povertà di fantasia con l’apparente ascetismo delle forme semplificate, così come la tavolozza svigorita mal riesce a evocare una dolente religiosità.

Sono specialmente evidenti queste debolezze negli affreschi lasciati dal Bosia a Torino: una lunetta nella chiesa di S. Maria degli Angeli (1932), con le vicende della chiesa e del suo nome, lo mostra ancorato a un generico primitivismo, non raro nell’eterogeneo aggregato di tendenze diverse, o anche antitetiche, confluenti nel Novecento italiano del primo dopoguerra.

Promosse il Bosia a rappresentante dell’arte ufficiale l’ambizioso affresco La Vita, faticosamente composto nel salone de La Stampa, e scoperto nel 1935: sulla lunga parete si allineano monotone e rigide immagini simboliche, dal campanile (simbolo della religione) al fabbro (simbolo dell’industria), passando per l’invenzione peregrina del balilla pensoso sui giocattoli meccanici e del poeta in sparato, involontariamente grottesco.

Tuttavia né commissioni ufficiali né personale prestigio valevano a celare i limiti dell’artista; anzi li rendevano più evidenti all’irrequieto ambiente torinese, mantenuto in fermento grazie all’attività di Casorati.

Allontanatisi presto dal Bosia gli allievi più dotati – citiamo in particolare Gigi Chessa -, nel 1940 l’esposizione retrospettiva presenta ai torinesi un linguaggio pittorico appartenente “a una civiltà artistica trapassata”; “anacronistico” è qualificato il pittore anche da critici non avversi al valori della tradizione.

A Torino il Bosia morì il 20 marzo 1962.

 

Alcune opere:

Case sotto la neve (1911)

Rose e crisantemi (1915)

Verona, Porta Borsari (1919)

Composizione floreale (1922)

Natura morta (1922)

Fiori con caraffa (1922)

Scorcio di laguna (1922)

Solbiate (1923)

Dalie (1927)

Scorcio di Dolceacqua (1927)

Marina ligure Pasqua (1929)

La nascita del poeta (1929-1930)

Mia figlia (1936)

La vita dell’uomo (1936-1940)

Paesaggio di campagna (1945)

Natura morta con vaso di fiori (1945)

Fiori (1945)

Marina (1947)

Portrait of Umberto II, King of Italy (1952)

L’abito nero (1953).

 

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW