Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

De Grada Raffaele 1885 – 1957

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

De Grada Raffaele

Raffaele De Grada (Milano, 2 marzo 1885 – Milano, 10 aprile 1957) è stato un pittore italiano.

Biografia

Nasce a Milano nel marzo del 1885 da Antonio (pittore) e da Teresa Amelotti.

La sua famiglia si stabilì in Argentina nel 1890, per far ritorno in Lombardia dopo due anni, e poi in Svizzera dal 1899.

Giovanissimo aiuta il padre nei suoi lavori di decorazione; poi, negli anni dal 1902 al 1908, frequenta le Accademie di Dresda e di Karlsruhe.

Nel 1913 esordisce con una personale a Zurigo. Viaggia di frequente in italia dove incontra e sposa nel 1915 Magda Ceccarelli.

L’anno successivo nasce a Zurigo il figlio Raffaele (che si dedicherà alla critica d’arte e alla politica).

E’ interessato alla pittura di paesaggio, per la quale cerca tuttavia nuove soluzioni legate alla natura e allo stato d’animo.

Nel 1919 decide di stabilirsi in Italia in modo definitivo. Nel 1920 è a San Gimignano dove gli nasce la figlia Lidia; poi è a Settignano presso Firenze.

La sua prima personale italiana risale al 1921 a Firenze in Palazzo Antinori, riscuotendo l’attenzione della critica e dell’ambiente artistico fiorentino.

Nel 1922 si trasferisce a Giramonte, nei pressi di Arcetri. Nello stesso anno è invitato alla Biennale di Venezia alla quale parteciperà in quasi tutte le edizioni successive.
Nel 1926 a Milano partecipa alla prima mostra del Novecento Italiano. Nel 1928 ha una sua personale alla Biennale veneziana.

Nel 1929 prende parte alla seconda esposizione del Novecento Italiano alla Permanente di Milano. Nel 1930 si trasferisce a Milano.

Nel 1931 è chiamato ad insegnare all’ISIA di Monza (incarico che conserverà fino all’inizio della seconda guerra mondiale).

Continua a dedicarsi al paesaggio: quello delle periferie milanesi, della Brianza e quello toscano, confrontandosi con la pittura di Corot e di Cézanne.

Morì a Milano il 10 aprile 1957.

 

Alcune opere:

Baumgruppe vor bewaldetem Hügel (c.1903)

Alte Hauser (1905)

Bergdorf (1905)

Frühlingslandschaft mit blühenden Bäumen (1906)

Gebirgskette im Abendrot (1906)

Senza titolo (1907)

Katzensee (1907)

Braun Wald, Alpi Svizzere (1907)

Disgelo (1908)

Paesaggio (1910)

Carro con buoi (1912)

Sotto la neve (1912)

Paesaggio montano – Il lago di Oberblegisee (1912)

Paesaggio svizzero (1912/13)

Le Alpi di Glarus (1913)

Paesaggio italiano (1915)

Alberi (1916)

Paesaggio (1916)

Scorcio di paese sul Lago di Como (1916)

Am Uetliberg (1918)

Paesaggio di San Gimignano (1918)

Stadtansicht (1918)

Paesaggio di montagna (1919)

Campagna di Cadro (1924)

Paesaggio montano (1925)

Colli toscani (1926)

Paese sull’arno (1927)

La valle di Santa Margherita a Montici (1927)

Uliveto o Strada di Volterra (1927/28)

Paesaggio (c.1930)

Paesaggio della Versilia (1930)

Il boschetto (1930)

Natura morta con conchiglia (1938)

La pineta di forte dei marmi (1940)

Sant’Agostino (1942)

Natura morta (1942)

Bosco (1943)

Campagna (1946)

Paesaggio della Versilia (1946)

Fiumetto (c.1947)

Dai giardini pubblici – Milano ante (1948)

Nevicata a Bardonecchia (1948)

Pineta (1948)

Natura morta con aringa, pane e bicchiere (1948)

Stagno, (1949)

Autunno in Versilia (1949)

Neve (1949)

Ulivi in Toscana (1951)

Paesaggio (1953)

Natura morta con frutta e vaso bianco (1953)

Natura morta con fiaschetto (1954)

Paesaggio (1954)

Caffè vero Brasile (1954)

Dintorni di Forte dei Marmi (1955)

Campagna intorno a San Gimignano (1955)

San Gimignano (1956)

Neve (1949).

 

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW