Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Maccagnani Eugenio 1852-1930

Inserito in ARTISTI

Eugenio Maccagnani (Lecce, 4 aprile 1852 – Roma, 19 marzo 1930) è stato uno scultore italiano.

Biografia

Figlio di Mattia, orafo, e di Rosa Grassi, è stato un valente e rinomato scultore della fine dell’Ottocento. Ancora giovanissimo (1865) servì a bottega dallo zio Antonio Maccagnani, celebre per le sue statue in cartapesta, dove fece le sue prime esperienze nel “modellato” su figure di culto mentre contemporaneamente studiava disegno con un altro zio, il pittore Giovanni Grassi. Realizzò così i ritratti del padre sia a olio che in pietra e alcuni bassorilievi di personaggi celebri o di tema mitologico oltre a vari studi-saggi ad altorilievo. Avendo presentato nel 1869 un’originale copia in terracotta del gruppo scultoreo del Ratto di Polissena di Pio Fedi, ottenne dal Consiglio provinciale di Terra d’Otranto un sussidio di 500 lire (portato a 800 l’anno successivo) per sei anni per poter studiare a Roma, dove si trasferì nel 1871 e dove frequentò l’Accademia di San Luca e lo studio dello scultore Ercole Rosa.

Conseguiti svariati riconoscimenti accademici, eseguì numerosi busti (Manzoni, Vittorio Emanuele II, Garibaldi ecc.) mentre lavorava come modellatore di bozzetti presso altri scultori già affermati. Nel 1877 vinse un concorso con la statua in gesso Spartaco, nel 1878 partecipò all’Esposizione universale di Parigi e l’anno successivo si affermò a Torino nell’Esposizione nazionale con il busto in marmo Aspasia, premiato «per intelligenza e larghezza di piani e per carattere veramente scultorio», con l’enorme gruppo in gesso Combattimento del Mirmillone col Reziario, «notevole per singolare vigoria e dottrina del muscoleggiare» e con l’Arabo sopra un cammello, un piccolo bronzo con cui iniziò un genere di produzione di particolare successo. Di tutta la sua attività la parte più nota si riferisce al Monumento a Vittorio Emanuele in Roma (il Vittoriano), in cui collaborò con il progettista Giuseppe Sacconi e, dopo la sua morte, continuò a modellarne le parti plastiche: i trofei d’angolo, le basi per le colonne trionfali davanti ai propilei, la statua della Guerra e le quattordici statue delle città storiche italiane addossate alla base della statua equestre del re. Ottenne anche due medaglie d’oro all’Esposizione Universale di Parigi del 1889 e a quella del 1900. Sue opere sono conservate nella Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma. Sue sono le statue in bronzo della Cappella di San Giuseppe o Spagnola nel Santuario di Loreto. Fu autore delle statue della Baccante, della Pompeiana, di San Tommaso nella Basilica Ostiense, delle Fame nel Palazzo di Giustizia a Roma, dei monumenti a Giuseppe Garibaldi di Buenos Aires (in piazza Italia) e di Brescia (in piazza Garibaldi), di Federico Seismit-Doda a Roma (in piazza Cairoli).

Note

  1. Sulle vicende di quest’opera, cfr. “Monumento a Seismit Doda”, sul sito della Sovrintendenza Capitolina ai beni culturali.
  2. Caterina Ragusa, Guida alla cartapesta leccese. La storia, i protagonisti, la tecnica, il restauro, Galatina, Congedo, 1993. ISBN 88-7786-564-4.
  3. Foscarini, cit., pp. 231-233 e 259.
  4. “Relazione della Commissione giudicatrice per il conferimento dei premii alle migliori opere d’arte esposte alla Mostra Nazionale”, in Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, 22 luglio 1880, pp. 3016 e 3018 (consultabile anche on line).

Bibliografia

  • Onorato Roux (a cura di), Illustri italiani contemporanei. Memorie giovanili autobiografiche di letterati, artisti, scienziati, uomini politici, patrioti e pubblicisti, Firenze, Bemporad e figli, 1909 (?), vol. 2 (Artisti), parte seconda, cap. 37 (“Eugenio Maccagnani”), pp. 189-207 (consultabile anche on line).
  • “Eugenio Maccagnani”, nella rubrica ‘Figure scomparse’ della Rivista pugliese di archeologia, storia e arte Japigia, aprile 1930, p. 239 (consultabile anche on line).
  • Gaetano Panazza, La scultura tra il XIX e il XX secolo in Brescia postromantica e liberty, Brescia, Grafo, 1985.
  • Antonio Edoardo Foscarini, “Biografia e lettere di Eugenio Maccagnani, 1852-1930”, in Bollettino Storico di Terra d’Otranto, n. 5, 1995, pp. 231-277.

Collegamenti esterni

  • “Eugenio Maccagnani – Scultore (Lecce 1852 – Roma 1930)”, per il progetto Sul Cammino di Enea, sul portale dell’Università di Lecce.
  • Alessandra Imbellone, Maccagnani, Eugenio in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 66, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 2007. URL consultato il 1º giugno 2014.
  • Maccagnani, Eugenio in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW