Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Paggi Giovanni Battista 1554-1627

Inserito in ARTISTI

Giovanni Battista Paggi (Genova, 1554 – Genova, 1627) è stato un pittore italiano.

Nacque da famiglia nobiliare e da giovane subì una forte influenza dall’arte pittorica di Luca Cambiaso.

In seguito ad un omicidio dovette scappare da Genova nel 1579, all’età di venticinque anni, per rifugiarsi ad Aulla sul Magra, poi a Pisa e quindi a Firenze, dove, grazie alle conoscenze familiari, riuscì ad avere accesso alla Corte Granducale. Qui ebbe la possibilità di studiare l’arte toscana, soprattutto fiorentina, accanto a grandi maestri come Giambologna, Domenico Cresti detto il Passignano, Jacopo Chimenti detto l’Empoli e Ludovico Cardi detto il Cigoli.

I contatti con la sua città natale ripresero a partire dal 1590, quando l’artista rientrò in città per un breve periodo ospite della famiglia Doria. Saranno questi ultimi che lo aiuteranno a tornare definitivamente a Genova nel 1599.

Fu da allora il pittore che insegnò l’arte a molti artisti affermatisi nel periodo della grande pittura genovese, e da lui incoraggiati a procedere nella direzione di una pittura innovativa, uscendo definitivamente dalle costrizioni delle corporazioni artigianali.

Paggi fu forse sepolto nella Basilica dell’Annunziata, in una tomba non più esistente a causa della distruzione di un’ala della chiesa avvenuta durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Tra i suoi allievi più illustri figura Castellino Castello. La sua città natale gli ha intitolato una via nel quartiere di San Fruttuoso.

Opere principali

  • Miracolo di Santa Caterina – affresco – Firenze, Chiostro grande di Santa Maria Novella.
  • Transito di santa Chiara – olio su tela (217 x 343 cm) – Genova, Basilica della Santissima Annunziata del Vastato.
  • Martirio di Sant’Orsola e delle Vergini – Savona, Duomo di N.S Assunta. Pala d’altare della Cappella Lamberti, nella navata sinistra. 1600.
  • Venere con due amorini che affilano le frecce – Genova, Collezione privata. 1624.
  • Madonna del Rosario – Genova, Accademia Ligustica di Belle Arti.1615.
  • Nascita della Vergine – Lucca, Cattedrale di San Martino.
  • Martirio di Sant’Andrea – 1590 – Loano, Sant’Agostino.
  • San Michele che caccia gli Angeli ribelli – Pescia, Convento di Colleviti.
  • Assunzione – Pistoia, Cattedrale di San Zeno.
  • Annunciazione – 1597 – Lucca, Cattedrale di San Martino.
  • Annunciazione – Genova, Cattedrale di San Lorenzo.
  • Annunciazione – Albisola Superiore, Santuario della Madonna della Pace.
  • Battesimo di Cristo – Pontedecimo, chiesa parrocchiale di San Giacomo.
  • Madonna con Bambino – collezione privata, Genova.

Bibliografia

  • Venanzio Belloni, Pittura genovese del Seicento. Dal Manierismo al Barocco, EMMEBI, Genova, 1969, pp. 95-104.
  • Raffaele Soprani, Le vite de pittori, scoltori, et architetti genovesi. E de’ Forastieri, che in Genova operarono, Bottaro e Tiboldi, Genova, 1674.
  • Costantino Ceccanti, “Jacopo Lafri, Giovanni Battista Paggi e la cappella Pappagalli” in Bullettino Storico Pistoiese, anno CXII, terza serie XLV, Pistoia, 2010.
Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW