Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Pagni Ferruccio 1866 – 1935

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Pagni Ferruccio

Ferruccio Pagni (Livorno, 11 settembre 1866 –  Torre del Lago, Lucca, 20 novembre 1935) è stato un pittore italiano.

Biografia

Nato a Livorno, riceve i primi insegnamenti da Natale Betti alla Scuola Comunale di Disegno, che frequenta insieme a Plinio Nomellini e Angiolo Tommasi.

Prosegue gli studi all’Accademia di Belle Arti di Firenze dove, tra 1866 e 1871, segue i corsi di Giovanni Fattori, che lo esorta ad abbandonare i soggetti storici ai quali era stato avviato dal Betti e ad avvicinarsi alla pittura dal vero.

Ammesso tra gli allievi prediletti di Fattori, espone alla Promotrice fiorentina dal 1887 al 1889, presentandosi negli anni seguenti a Milano, Venezia e Torino.

Le novità introdotte a Firenze da Alfredo Muller, reduce da Parigi, lo portano tuttavia ad allontanarsi dall’ascendenza fattoriana, e a seguire entusiasticamente la via aperta dagli impressionisti: le due opere esposte alla Promotrice fiorentina del 1890-91, “In Coltano” e “Sulla sera”, suscitano le amare critiche di Fattori, che lo include nella schiera dei mullerini.

Negli anni ’90 partecipa alle attività del Club della Boheme, gruppo goliardico-culturale legato a Giacomo Puccini.

Nel ’91 a Torre del Lago conosce il compositore Giacomo Puccini cui si lega d’amicizia.

E’ questo un incontro importante per la sua vita e l’inizio di un’avventura destinata a coinvolgere altri suoi compagni di studi: Francesco Fanelli, Raffaello Gambogi, Plinio Nomellini, Angiolo e Lodovico Tommasi, come lui reduci da Livorno e alla ricerca di una nuova identità linguistica.

Nasce il Club “La Bohème”, che lo vede protagonista, con Puccini, di numerose imprese goliardìche e venatorie.

Con il compositore toscano fa parte del comitato promotore della Mostra d’Arte Moderna allestita a Viareggio nell’agosto del 93.

Nel 1900 Puccini gli affida l’incarico di affrescare, insieme a Nomellini e a De Servi, le pareti del salotto-studio con le allegorie dell’alba, del meriggio, del tramonto e della notte.

In questi anni Pagni guadagna una certa notorietà nell’ambiente locale.

Tra il 1901 e il 1902 è consigliere comunale a Viareggio con delega per Torre del lago e il suo parere di “esperto” vale al giovane Viani un sussidio annuale per continuare gli studi presso l’Istituto d’Arte “A. Passaglia” di Lucca.

Dopo il 1901, tuttavia, cessa di esporre alle mostre e nel febbraio del 1904 parte per l’Argentina dove resterà oltre un decennio.

E’ questa una decisione improvvisa dovuta soprattutto a certi dissapori avvenuti con Puccini e gli altri amici “bohémiens”.

Rientra a Torre del Lago nel ’18 inserendosi attivamente nella vita culturale viareggina.

Nel 1919 è tra i fondatori del Club “Gianni Schicchi” e poi dell'”Accademia degli Zeteti” insieme a Puccini, Fanelli, Viani e Moses Levy.

Lavora per diversi anni a Torre del Lago, insieme a Francesco Fanelli in quello che il critico d’arte Diego Martelli ha chiamato il sodalizio degli Impressionisti livornesi, che nell’ambito del gruppo postmacchiaiolo, portava avanti un linguaggio modellato su quello francese di Monet e Manet.

Più tardi l’impressionismo di Pagni si frantuma in una pennellata rarefatta con forti echi divisionisti.

La sua opera artistica assume una maggiore rilevanza internazionale durante il soggiorno in Argentina, dal 1904 al 1917, dove realizza i quadri attualmente più ambiti dal collezionismo.

Morì a Torre del Lago, Lucca, il 20 novembre 1935.

 

Alcune opere:

Pineta (1890)

Giornata grigia nel padule di Torre del Lago Puccini (c.1920)

La Pineta (1933)

Torre del lago

Ulivo

Ore di pace

Sentiero nel bosco

Paesaggio lacustre

Pascolo a Torre del Lago

La primavera

Presso Pietrasanta di sera

Waldparie

Canale con cipressi

Acquitrini versiliesi

Massaciuccoli

Tramonto

Landschaft mit Schafherde im Abendrot

Campagna

Stagno.

 

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW