Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Quaglia Carlo 1903-1970

Inserito in ARTISTI

Carlo Quaglia (Terni, 1903 – Roma, 1970) è stato un pittore italiano.

Biografia

Compì gli studi a Terni dove si diplomò in ragioneria e in violino all’Istituto musicale Bricciardi. Entrò poi all’Accademia di Modena dove si laureò in Economia e commercio.

Comandato, come ufficiale in Libia, negli anni trenta fu di stanza a Bengasi, Sirte e Derna, dove coltivò le sue passioni, le arti figurative e la musica classica. All’inizio della seconda guerra mondiale, nel I940, venne fatto prigioniero dagli inglesi e trasferito in India al Campo 27 di Yol alle pendici dell’Himalaya. Trascorse i cinque anni di prigionia dedicandosi allo studio delle arti, esercitandosi nelle prime prove di pittura che lo porteranno ad assumere la decisione di diventare pittore. Al ritorno in Italia si congedò ed iniziò il suo percorso di artista. La sua fu una carriera breve e fortunata che lo portò al successo di critica e di pubblico. Amato dai poeti, amico degli intellettuali dell’epoca, fu compagno di strada di artisti come Pirandello, Francalancia, Francesco Trombadori, Giacomo Maccari, Mazzacurati, Orfeo Tamburi, Bartoli, Sante Monachesi, Bartolini, Vangelli e in seguito Stradone e Ciarrocchi. Una scuola che, nel dopoguerra, continuò con estrema qualità la tradizione della pittura figurativa a Roma. Nella sua pittura si ritrova, a volte, l’amore dei colori della Scuola romana che fu di Scipione, Mario Mafai e Antonietta Raphael. Quaglia morì a Roma nel 1970.

Tenne mostre personali a Roma, Milano, Terni, Torino, Genova, Livorno, Parigi, New Haven (Università di Yale) e Montreal. Invitato più volte alla Quadriennale di Roma e alla Biennale di Venezia, ha insegnato dal 1955 al 1957 alla “Accademia Roma per Stranieri” insieme a Roberto Melli, ha fatto parte della redazione della rivista “Figura” 1960-1961. Nel 1963, con il testo di Giuseppe Ungaretti, è uscito il volume “La Roma di Quaglia” nelle edizione d’arte di Carlo Bestetti. Hanno scritto di lui, tra gli altri: Fortunato Bellonzi, Cesare Brandi, Pietro Carriglio, Raffaele Carrieri, Marcello Gallian, Roberto Lambarelli, Giuseppe Marchiori, Alfonso Gatto, Virgilio Lilli, Roberto Melli, Giorgio Mascherpa, Alfredo Mezio, Guglielmo Petroni, Domenico Purificato, Enrico Somarè, Giacinto Spagnoletti, Lorenza Trucchi, Giuseppe Ungaretti, Marcello Venturoli, Vittorio Rubiu e Diego Valeri.

Nel maggio 2011 nel palazzetto Quaglia di Acquasparta, è stata inaugurata la mostra retrospettiva: “Una quadreria, Carlo Quaglia” organizzata dalle figlie dell’artista: Adele e Valeria con la collaborazione dell’arch. Riccardo Picchiarati.

Translate »
Vai alla barra degli strumenti
ArtsLife History

GRATIS
VIEW