Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Ximenes Ettore 1855 – 1926

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Ximenes Ettore

Ettore Ximenes (Palermo, 11 aprile 1855 – Roma, 20 dicembre 1926) è stato uno scultore e illustratore italiano.

Biografia

Figlio del calligrafo e miniaturista Antonio Ximenes e della nobildonna Giulia Tolentino, nonché discendente dell’importante famiglia di origine spagnola degli Ximenes de Luna d’Aragona.

Studiò all’Accademia di Belle Arti di Palermo fino al 1871, quando si trasferì a Napoli.

Inizialmente, seguì come maestri Vincenzo Ragusa, Domenico Morelli, Vincenzo Gemito e Stanislao Lista, ma quando si trasferì a Firenze fu influenzato molto dall’arte del Rinascimento.

Dal 1885 al 1894, dopo un viaggio a Parigi, fu direttore dell’Istituto d’Arte di Urbino e iniziò a produrre molte opere, tra cui i monumenti a Giuseppe Garibaldi per Pesaro, Carpi e Milano.

Partecipò al concorso per realizzare il Monumento a Dante a Trento, che fu però vinto da Cesare Zocchi.

In quell’occasione conobbe Paolo Oss Mazzurana, del quale in seguito realizzò un ritratto ad olio che regalò alla famiglia nel 1896, dopo la sua morte.

Successivamente presentò alla Biennale di Venezia un modello di statua bronzea di Giuseppe Zanardelli (oggi esposta al tribunale di Brescia).

Per lo stesso Zanardelli eseguì su sua commissione il grande monumento bronzeo La Famiglia collocato nel Cimitero Vantiniano a Brescia.

Altre tre busti dello Zanardelli a Brescia sono all’Ateneo, nel Palazzo della Loggia e al Museo del Risorgimento.

Realizzò anche una statua rappresentante la Legge per il re Vittorio Emanuele II di Savoia e progettò con l’architetto Lamberto Cusani tra il 1912 e il 1920 un grande gruppo monumentale, sopravvissuto solo in parte alla II Guerra Mondiale ed a scelte urbanistiche del dopoguerra, per commemorare Giuseppe Verdi a Parma; nella stessa città, che nel 1907 gli concesse la cittadinanza onoraria, realizzò anche il monumento alla Vittoria e quello a Vittorio Bottego.

Opere  a Roma:

  • Monumento a Ciceruacchio
  • Gruppo marmoreo “Il Diritto” al Vittoriano
  • Quadriga bronzea che si affaccia sul Tevere risalente al 1907, ma collocata in cima alla Corte di cassazione nel 1925.

Altre opere sono a:

  • Peveragno, monumento a Pietro Toselli eroe dell’Amba Alagi.
  • Aquileia, grande gruppo del Sacrificio dedicato ai Caduti.
  • Sarno, monumento allo scultore Giovanni Battista Amendola.
  • Enna, monumento a Napoleone Colajanni.
  • Letojanni, monumento allo scienziato Francesco Durante
  • Parma, monumento a Giuseppe Verdi.

Dal 1911 al 1926 Ximenes lavorò quasi esclusivamente su commissione estera.

Oggi, molte sue opere sono conservate in varie città, tra cui Washington, New York: Monumento a Dante Alighieri e Giovanni da Verrazzano, Rio de Janeiro: Mausoleo Raul Suarez de Moura, Kiev: Monumento allo zar Alessandro II e al ministro Stolypin.

Suo a Buenos Aires il monumento al generale Belgrano.

Collaborò anche con Manfredo Manfredi nella realizzazione del Monumento dell’Indipendenza a San Paolo.

Fu anche illustratore: sue sono le immagini nell’edizione originale de Il vino di Edmondo De Amicis e Nei boschi incantati di Policarpo Petrocchi.

Aderì alla Massoneria; non se ne conosce la data di iniziazione, ma fu elevato Maestro il 23 agosto 1915 nella Loggia “Universo” di Roma.

I suoi soggetti preferiti erano i personaggi religiosi e mitologici.

Le sue opere sono caratterizzate da una forte tendenza realistica.

Morì a Roma il 20 dicembre 1926.

 

Alcune opere:

Figure of a Little Girl (1881), scultura, alabastro

Autoritratto (1882), china

Ritratto femminile con cappello ornato di fiori (1883), acquarello

Portier (1883), acquarello

Lago di garda (1898), manifesto

Vecchietta che fila (1889), acquarello

Trionfo di Bacco (1898), acquarello

Lago di garda (1898), manifesto

Bacchanalian revelry (1898), acquarello

Golf, Monte-Carlo (c.1900), manifesto

A Shepherdess by the Edge on an Italian Lake (1903), olio

Elegia (1904), scultura, bronzo

L’ubriaco (1904), scultura, bronzo

Lago di Garda (c.1905), manifesto

Il Diritto (bozzetto per il gruppo marmoreo del Monumento a Vittorio Emanuele II) (c.1909), scultura, bronzo

Ritratto maschile (1909), pastello

Maternità (c.1900), scultura, bronzo

Lago di Como (c.1910), manifesto

Lago Maggiore (1911), manifesto

Rallye Automobile International, Monte Carlo» (1911), manifesto

Bufale all’abbeverata (1914), olio

Paesaggio fluviale con bufali all’abbeverata (1914), olio

Il fiocco rosso (1920), olio

Ritratto di donna con fiori, pastello

Colosseo, acquarello

Study of an Infant as an Angel, acquarello

Profil de jeune-femme, pastello

Ritratto di popolana, acquarello

Printemps, gouache

La contessa de Gubernatis, china

Volto femminile, pastello

Profil d’arménienne, pastello

Caricatura della Contessa de Gubermas, Tecnica mista

Ritratto di Isabella Acinni, pastello

Figura gioiosa, pastello

Paesaggio a Capri, olio

Washerwomen at the edge of an italian lake, olio

Nudo femminile, scultura, marmo

Enfant en habits Louis XIII, scultura, bronzo

Kriegerkopf, scultura, bronzo

Mezzobusto femminile, scultura, bronzo

In penitenza, scultura, alabastro

Fanciullo, scultura, bronzo

Rinascita, scultura, marmo

L’Equilibrista, scultura, bronzo

Dante, scultura, bronzo

S.A.R Emanuele Filiberto di Savoia, duca d’Aosta, scultura, bronzo

 

Musei

Elenco dei musei che espongono opere dell’artista:

  • Museo Michelangiolesco, Caprese Michelangelo (AR);
  • Villino Ximenes, Roma;
  • Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma, statua bronzea raffigurante la “Libertà”.

 

Translate »
Vai alla barra degli strumenti
ArtsLife History

GRATIS
VIEW