Menu di navigazione+


Cerca
In

Barilli Renato 1935

Inserito in I CRITICI DELL'ARTE

Renato Barilli

Renato Barilli (Bologna 18 agosto 1935) è un critico d’arte, critico letterario e accademico italiano.

Barilli Renato, critico e storico letterario e d’arte italiano nasce a Bologna nel 1935. Insegna estetica e storia dell’arte all’Università di Bologna.

Studi su Giovanni Pascoli, Luigi Pirandello, Italo Svevo, Gabriele D’Annunzio.

Ha preso parte alla neoavanguardia degli anni Sessanta, culminata nel Gruppo 63.

Come critico d’arte ha storicizzato le esperienze d’avanguardia, dalla pop art alla body art.

Come critico letterario, si è occupato, tra l’altro, del nouveau roman francese, della narrativa italiana contemporanea e delle ultime tendenze della poesia d’avanguardia.

Particolarmente interessato alla ricerca artistica di avanguardia, è stato tra i primi studiosi italiani a soffermare l’attenzione sul rapporto tra arte e tecnologia, e in particolare tra arte e computer.

Ha scritto numerosi saggi di storia dell’arte e di critica letteraria, occupandosi in particolare di arte e letteratura contemporanea e del Postmoderno, e ha curato numerose mostre.

Parallelamente alla Transavanguardia di Achille Bonito Oliva ha scoperto e promosso il gruppo di artisti italiani da lui definito dei Nuovi-nuovi ed è stato tra i primi ad occuparsi dell’utilizzo del computer e dei nuovi media nel campo dell’arte.

Nel 1996 ha pubblicato l’imponente saggio “L’alba del contemporaneo. L’arte europea da Fùssli a Delacroix”, dove analizza in maniera chiara e dettagliata alcune delle figure più importanti dell’arte moderna e contemporanea.

Nel 1998 ha vinto il premio Feronia-Città di Fiano per la critica militante.

In “Comicità di Kafka” (1999), invece, dà un’interpretazione freudiana delle opere del celebre scrittore tedesco.

Nel 1999 ha curato, in collaborazione con Tonino Sicoli, il catalogo della mostra di Mimmo Rotella, tenutasi a Rende, e ha pubblicato “L’azione e l’estasi”, dove illustra la storia delle neoavanguardie degli anni Sessanta.

Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato “Storia dell’arte contemporanea in Italia. Da Canova alle ultime tendenze” (2007) e “Arte e cultura matariale in Occidente” (2011).

Nel 2004 ha dato alle stampe “Dal Boccaccio al Verga”.

Nel 2005 ha pubblicato “Bergson. Il filosofo del software”.

Nel 2012 venne ripubblicato il suo saggio sulla storia e teoria della retorica.

Vive a Bologna.

 

Link utili:

http://www.treccani.it/enciclopedia/renato-barilli/

https://it.wikipedia.org/wiki/Renato_Barilli

http://www.renatobarilli.it/

http://www.cinquantamila.it/storyTellerThread.php?threadId=BARILLI+Renato

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW