Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Acerbi Ezechiele 1850 – 1920

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Ezechiele Acerbi 

Acerbi Ezechiele (Pavia, 10 aprile 1850- Pavia, 20 febbraio 1920) è stato un pittore italiano riconosciuto rappresentante tra i più significativi del cosiddetto “impressionismo lombardo”.

Biografia

Ezechiele Acerbi  studiò pittura nella scuola civica locale con G. Trécourt, che lo tenne in grande stima e lo mise in relazione col Piccio.

Vinse nel 1866 il legato Cairoli, nel 1873 il premio Franck col quadro Distribuzione dei medicinali a S. Corona,nel 1877 il concorso Arnaboldi con L’arrivo del Barchetto a Pavia.

Il suo Autoritratto (1881), conservato alla scuola civica di Pavia, testimonia del suo primo stile legato a quello del Piccio e del Trécourt.

Sono di questo periodo pure i ritratti della signora Letizia Campari, del conte San Giuliani, del signor Lanfranchi.

Visse molti anni a Milano dando lezioni, dipingendo ritratti, scene di genere, ventagli.

Tornato a Pavia, si dedicò, nell’ultimo periodo soprattutto, a ritrarre scene caratteristiche della vita della sua città.

Espose alle mostre della Permanente di Milano e di Torino e numerose volte a Pavia.

In quest’ultima città morì il 20 febbraio 1920.

 

Alcune opere:

Distribuzione dei medicinali a S. Corona (1877)

Autoritratto (1881)

In cerca di rane

Strada di paese con figure

Vicolo di paese

Ritratto femminile

Figura in un interno

Decadenza

Amore all’arte

Il gatto

Donna nella stanza

La cucitrice

Fiori

Uomo che legge

Donna tra i fiori

Riflessi

Veduta del Ponte vecchio all’alba

Paesaggio ligure

Scorcio urbano.

 

Translate »
Vai alla barra degli strumenti
ArtsLife History

GRATIS
VIEW