Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Hackert Jacob Philipp 1737-1807

Inserito in ARTISTI

Jakob Philipp Hackert (Prenzlau, Brandeburgo, Germania, 15 settembre 1737 – San Pietro di Careggi, Firenze, 28 aprile 1807) è stato un pittore tedesco che lavorò molto in Italia.

Biografia

Nato in Germania (a Prenzlau, allora in Prussia) compì fin da giovanissimo numerosi viaggi nel resto d’Europa, compresa l’Italia dove si stabilì a partire dal 1768. Inizialmente soggiornò a Roma, guadagnandosi rapidamente una grande fama come pittore di paesaggio ed avendo tra i suoi clienti anche il Papa Pio VI e la zarina russa Caterina la Grande. Per quest’ultima dipinse un ciclo di dipinti raffiguranti la battaglia navale di Cesme.

Nel 1779 ricevette la commessa dal principe Marcantonio IV Borghese per dipingere un ciclo di 9 dipinti per decorare il Salone del Lanfranco nel casino nobile della Villa Borghese a Roma.

Nel 1780 realizzò il famoso ciclo di dipinti “Dieci vedute della casa di campagna di Orazio”.

Nel 1786 divenne pittore di corte del re Ferdinando IV di Napoli, dove supervisionò il trasferimento di molte opere della collezione Farnese da Roma a Napoli. Consigliò anche di chiamare a corte da Roma il restauratore Federico Anders, a cui fu affidato il restauro di alcuni dei dipinti più importanti delle collezioni farnesiane. In quello stesso anno conobbe anche Goethe e ne divenne amico.

Durante il periodo come pittore di corte produsse, tra l’altro, le celebri pitture ritraenti Caserta e la sua reggia e la serie dei porti del regno borbonico.

Nel 1799, a seguito della fuga del re da Napoli e dell’invasione delle truppe repubblicane francesi, Hackert abbandonò a sua volta il Regno di Napoli per rifugiarsi in Toscana. Nell’ultima fase della sua vita lavorò esclusivamente per committenti privati, alternando però la pittura alla cura di un vasto podere che aveva acquistato.

Dal 1799 lavorò a Firenze dove, nel 1803, pubblicò un Traité pour apprendre à dessiner le paysage d’après nature.

Paesaggi di Hackert, alla maniera di G. Dughet e di C. Lorrain, sono in varie collezioni private d’Europa.

Morì nella sua casa vicino a Firenze e fu sepolto nel “giardino olandese” a Livorno. I suoi resti furono poi traslati nell’ossario dell’attuale Cimitero della Congregazione olandese alemanna, insieme a quelli del fratello Abramo morto nel 1805.

Non si sposò mai, e visse buona parte della sua vita insieme a qualcuno dei suoi numerosi fratelli minori, ma sono note alcune sue relazioni anche con donne sposate.

Goethe ha scritto la prima biografia di Hackert nel 1811.

Opere (Selezione)

Porträt der Magdalene Charlotte Stegemann, 1760
The Spree with the Palace Bridge by Charlottenburg II, 1762
Porträt der Anna Magdalene Scharz, 1760
Parklandschaft mit Venusbassin im Berliner Tiergarten, 1760
Die Zelte im Tiergarten, 1761
Travellers resting beside a river, with a town, possibly Rouen, beyond, 1766
View of Château Gaillard and the Seine, 1767
View of ruins by a river (the Seine), 1767
View of Rouen, 1768
A landscape in Arkhangeloskoye, 1769
Die Schlacht von Çeşme am 5. Juli, 1770
Sea Battle Episode, 1771
Chesma battle between Russian and Ottoman navy, 1771
Destruction of the Turkish Fleet in the Bay of Chesma, 1771
Ruinen des römischen Kaiserpalasts auf dem Palatin in Rom, 1771
Küstenlandschaft mit Seesturm, 1773
Feuerwerk auf der Engelsburg in Rom, 1775
The Tiber in Rome, 1775
Fireworks over Castel Sant’Angelo in Rome, 1775
A shipwreck, 1776
View of the Basilica and Poseidon Temple of Paestum, 1777
A View of the Coast near Naples with a British Royal Navy, 1777
Blick auf St. Peter in Rom, 1777
Russian navy near Catania coast, 1778
Temple Ruins in Sicily, 1778
View of Catania and Etna, 1778
View of Lipari and Stromboli, 1778
An Italian Capriccio Veduta, with a Greek temple near shoreline, and a distant volcano, 1778
View of Villa Albani in Rome, 1779
Casino Borghese in Practica, 1780
Landscape with a ancient Festival, 1781
View of Caserta, 1784
Der Golf von Neapel bei Nacht Besteigung des Vesuvs, 1787
View of Massa Lubrense, 1791
View of Montesarchio, 1791
Blick auf die Campagna Romana, 1793
View of the English Garden of Caserta, 1793
Ideal Landscape with Juno Temple of Agrigento, 1794
Girgenti, 1794-1795
View of Posillipo on the Isle of Capri, 1795
Im Tal von Rovetero, 1795
The Ponte a Mare in Pisa, 1799
The Venus Temple in Baja, 1799
Two Warriors in a Landscape of Trees and Rocks, 1800
View of Lake Albano with Castel Gandolfo, 1800
Blick auf Rom vom Ponte Molle, circa 1800
View of Lake of Averno, 1800
View from the Grotta dell’Annunziata in Maiori, 1804
River Landscape, 1805
Arcadian Landscape, 1805

Collezioni (Selezione)

Saint Petersburg, Hermitage Museum

Saint Petersburg, Central Naval Museum

Collezione Schwarz-Liebermann, Rheinbreitbach

Muzeum Narodowe w Warszawie, Warsaw

Germanisches Nationalmuseum, Nuremberg, Bavaria, Germany

Alte Nationalgalerie, Berlin

Hamburger Kunsthalle, Hamburg

Museo Thyssen-Bornemisza, Madrid

State Museum Tsarskoe Selo near St. Petersburg

Düsseldorf, Museum Kunst Palast

Anhaltische Gemäldegalerie, Dessau

Städelsches Kunstinstitut und Städtische Galerie, Frankfurt am Main

Pommersches Landesmuseum, Greifswald

Klassik Stiftung Weimar, Weimar

Munich, Galerie Julius Böhler

Kunsthalle Kiel, Kiel

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VIEW