Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Ulvi Liegi 1858 – 1939

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Ulvi Liegi

Liegi Ulvi vero nome Moisè Luigi Levi (Livorno, 11 ottobre 1858 – Livorno, 1939) è stato un pittore italiano.

Biografia

Il suo vero nome era Moisè Luigi Levi (di cui Ulvi Liegi è l’anagramma) e nacque da una ricca famiglia appartenente alla comunità ebraica labronica.

Nel 1880 si trasferì a Firenze per compiere gli studi e conobbe Telemaco Signorini, Giovanni Fattori, i fratelli Angiolo Tommasi e Ludovico Tommasi; inoltre segui gli insegnamenti di Silvestro Lega.

Proprio l’influenza dei due grandi maestri Fattori e Signorini lo indirizzò verso la corrente macchiaiola, e la pittura “en plein air”.

Nel 1886 il suo primo viaggio a Parigi e la conoscenza di Federico Zandomeneghi.

Nella capitale francese si interessò alla pittura post-impressionista; successivamente rientrò in Italia e si stabilì a Firenze, dedicando la propria opera alla raffigurazione dei paesaggi.

Fu di nuovo in Francia nel 1888 e nel 1889 approfondendo la conoscenza del post-impressionista; proprio nel 1889 partecipò all’Esposizione universale con due dipinti dal titolo “Dintorni di Firenze” e “La sera”.

Negli stessi anni sono i viaggi a Londra con la partecipazione alla “I Esposizione italiana” del 1888 ed a una mostra alla Slade School nel 1889.

Dal 1895 risiede a Firenze per 10 anni, dedicando la propria opera alla raffigurazione dei paesaggi.

Nel 1906 si trasferisce per un anno in Valsugana dove fa la conoscenza di Ardengo Soffici.

Nel 1907 si insedia di nuovo a Livorno fino alla morte avvenuta a Livorno nel 1939.

Sono anni intensi di lavoro artistico culminati nel 1918 con la sua prima personale organizzata da Mario Galli nella propria galleria di Firenze.

Nel 1920 entra a far parte del Gruppo Labronico del quale sarà anche presidente dal 1921 al 1928.

 

Alcune opere:

San Leonardo presso Pian de Giullari (1886)

Dintori di Firenze (1886)

Autunno nei campi (1889)

A Paola (1889)

Santa Margherita a montici (c.1890)

Contadinella (1890)

Ritratto (1890)

Abetone (1890/95)

Paesaggio (1891)

Bagni di Lucca (1892)

Valsesia (1894)

Town square with statue (1894)

Ritratto (1897)

Bocca d’Arso (1899)

Porta Romana a Livorno (1900)

Bocca d’Arno, vecchia bilancia (1905)

Marina a Viareggio (1910)

Vecchio casolare (1911)

Colonica a Roncegno (1912)

Rive del Garda (1912)

Effetto grigio, Marina di Magra (1916)

Bagnanti a Livorno (1917)

Via delle Forbici (1917)

Il greto dell’Arno (Le Cascine) (1920)

Banditella (1920)

Vicolo (1921)

Senza titolo (1921)

Rotonda Ardenza (1922)

Collina di Montenero (1924)

Bambinaie all’Ardenza (1924)

Fiume con capanne (1925)

I nuovi pagliai (1925)

Ardenza (1926)

Vicolo a Montenero (1928)

Stradina di campagna con contadino e mucca (1928)

Pagliai (1930)

Quercianella (1930)

Stradina di campagna con contadina (1930)

Monachine a Castiglioncello (1930)

Le corallaie che escono dalla fabbrica (1932)

Bambinaia all’Ardenza (1932)

Campagna livornese (1932)

Il muretto rosso (c.1933)

Baracchina all’Ardenza (1934)

I giardini dell’Ardenza (1935)

I casini dell’Ardenza (1936)

Verso la foce del bruna (1937)

Campagna senese (1938).

 

Translate »
Vai alla barra degli strumenti
ArtsLife History

GRATIS
VIEW