Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Veruda Umberto 1868 – 1904

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Veruda Umberto

Umberto Veruda (Trieste, 6 aprile 1868 – Trieste, 29 agosto 1904) è stato un pittore italiano.

Biografia

Fedele amico di Ettore Schmitz, noto con lo pseudonimo di Italo Svevo, compì studi a Monaco di Baviera, Parigi e Roma.

I suoi quadri sono caratterizzati da giochi di luce e di colore che ben si adattano alla semplicità dei soggetti.

Nacque a Trieste il 6 aprile 1868 da una famiglia di modeste condizioni economiche; fu iniziato alla pittura da Raffaele Astolfi (1829-1900).

Pittore di temperamento e di istinto nel 1886, a sedici anni, si recò a Monaco dove studiò all’Accademia di Belle Arti assieme al Wostry e al Gruhut e fece molta attenzione alla pittura del Liebermann.

Nel 1887 fu per la prima volta a Parigi e si dedicò per sei mesi al disegno abbandonando la pittura ad olio.

Dopo un breve soggiorno a Venezia, che gli permise di venire a contatto con la pittura del Favretto, di vedere opere di Velàquez, di Tintoretto e di Tiziano, tornò a Trieste.

Nel 1889 poté andare a studiare a Roma grazie alla generosa fiducia di alcuni cittadini che credevano nelle sue capacità vinse il premio artistico Rittmeyer e vi stette altri due anni.

La Galleria d’Arte Moderna gli acquistò il quadro “Sii onesta”.

Durante il soggiorno a Trieste trascorse momenti felici in compagnia del suo amico Italo Svevo (lo Stefano Balli scultore, nel romanzo “Senilità” è appunto il Veruda).

Poi intraprese viaggi in Europa: fu a Berlino, nuovamente a Monaco, a Vienna dove dipinse numerosi ritratti che gli consentirono buoni guadagni e nel 1897 ancora a Parigi, città nella quale “trovò la disciplina dell’arte”.

Si spinse infine oltre la Manica per conoscere i pittori inglesi del ‘700 e del primo ‘800.

Nella primavera del 1904, dopo la tragica morte della madre, Italo Svevo gli offerse l’ospitalità della sua casa di Burano e lì ebbe modo di incontrare il goriziano Italico Brass e rivedere Pieretto Bianco con il quale era stato pure a Montparnasse.

Nel cuore dell’estate 1904 Veruda lasciò Burano.

Morì il 29 agosto dello stesso anno a soli 36 anni, ma non si conoscono le cause della sua morte.

Trieste gli rese i massimi onori: un’esposizione retrospettiva delle sue opere e un monumento funerario al cimitero di Sant’Anna.

 

Alcune opere:

L’uomo che ride (1888)

Ritratto maschile (c.1890)

Portrait de Giacomo Puccini, assis (1890)

Ritratto di gentildonna (1895)

Im blumengarten (1899)

Giovane donna in un giardino di rose (1899)

In the flower garden (1899)

Jugendliche schönheit vor ihrem rosengarten (1899)

Veduta con figura femminile

Paese al tramonto

Ritratto d’uomo con cappello

Ponte Santi Apostoli, Venezia

Ragazza

Nudo di ragazza

Preghiera della sera

Ritratto del pittore Ugo Flumiani

Risveglio

Ritratto d’uomo con barba

Dame med skaut

Abbandono

Buranella

Ragazza col ventaglio

Piazza S Marco, acquarello.

 

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VISUALIZZA