Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Vinea Francesco 1845 – 1902

Inserito in ARTISTI, LE FIRME DEI PITTORI ITALIANI DELL'OTTOCENTO

Vinea Francesco

Francesco Vinea (Forlì, 10 agost0 1845 – Firenze, 22 ottobre 1902) è stato un pittore italiano.

Biografia

Francesco Vinea nacque a Forlì e si trasferì a Firenze in tenera età e a quattordici anni venne iscritto dalla famiglia allAccademia di Belle Arti.

Vi seguì i corsi di Enrico Pollastrini (1817-1876), ma si allontanò molto presto dalla pittura romantica per divenire rappresentante della pittura di genere in costume.

Purtroppo, poco tempo dopo, è costretto a lasciare l’Accademia per una serie di difficoltà economiche che lo portano a intraprendere l’attività di illustratore.

Il guadagno è sicuro, ma d’altra parte Vinea da questo lavoro provvisorio può anche trarre alcuni benefici: copiando opere del passato svolge uno studio approfondito dell’arte italiana del XVII e XVIII secolo.

Nel frattempo, lavora anche in uno studio fotografico e continua la sua produzione di opere di ricostruzione storica.

I temi sono leggeri e accattivanti, ma la pittura è aggiornata alle novità dei Macchiaioli che frequenta al Caffè Michelangelo alla fine degli anni Cinquanta.

Il colorire è brioso e affascinante, i dettagli sono vezzosi, le scene raffigurate sono squisitamente frivole e mondane, sulla scia di Jean-Louis Ernest Meissonier.

La ricostruzione del XVIII secolo su cavalletto è graditissima al mercato internazionale.

Quindi Francesco Vinea comincia ad inviare i suoi dipinti alle esposizioni non solo italiane, ma anche europee.

In questo modo, fa conoscere la sua leziosa pittura di genere ai mercanti d’arte più importanti, tra cui Adolphe Goupil a Parigi e Luigi Pisani a Firenze.

Diventa richiestissimo e molto famoso.

Ha uno studio in viale Principe Eugenio a Firenze che racchiude come uno scrigno oggetti da collezione, dagli arazzi ai vasi orientali, dalle ceramiche alle sculture antiche.

È un pittore instancabile, partecipa ad un vasto numero di esposizioni italiane ed europee ma lavora anche e soprattutto su committenza privata.

Nel pieno del successo, ancora impegnato nell’esecuzione di diversi dipinti, muore a Firenze il 22 ottobre 1902, a soli cinquantasette anni.

Negli anni in cui ancora frequenta l’Accademia e in quelli immediatamente successivi, si allontana dal romanticismo storico del maestro Pollastrini e si avvicina alla pittura di genere in costume.

I secoli che predilige ricostruire sono il XVII e il XVIII, ponendosi sulla strada del francese Meissonier e dello spagnolo Mariano Fortuny (1838-1874).

I particolari degli abiti delle fanciulle sono dettagliatissimi, come le ambientazioni.

Il colore è sontuoso e acceso, la tecnica perfetta.

I temi però sono assolutamente privi di un significato profondo: sono raffigurate scene leggere per puro gusto estetico del collezionista di turno.

La tavolozza variegata e il disegno disinvolto accompagnano nobildonne che prendono il tè, che passeggiano nel parco con i propri graziosi animali domestici, scene di interni piacevoli e di facile lettura.

Francesco Vinea esordisce a Firenze all’Esposizione Nazionale del 1861 con Ritratto muliebre (disegno dal vero), dipinto che in un certo senso anticipa anche la sua passione verso il nudo femminile.

Il suo talento viene subito riconosciuto: nel 1863 riceve la committenza di un Michelangelo che recita i suoi versi a Vittoria Colonna, per gli appartamenti reali di Palazzo Pitti.

Dagli anni Settanta invia le sue scene di genere alle mostre europee, facendosi conoscere con Le primizie, La mia Fanny, Un paggio alla corte dei Medici.

Nel 1871 presenta a Napoli La mia donna e il mio cane, La lettera amorosa, La tranquillità.

I suoi quadri vengono richiesti sia da Goupil che da Pisani, con cui stringe un contratto.

Il successo viene raggiunto da Vinea in brevissimo tempo con dipinti quali Colazione in campagna, Corteggio nuziale, Fra i pampini, Interno d’osteria, Al pianoforte, Il tè del pomeriggio.

Famosi sono anche i dipinti di ricostruzione come Moschettieri e Duello e le intime scene amorose come Peccati voluttuosi, Un appuntamento e Una parola d’amore.

La leggiadria del tocco pittorico e un’atmosfera costantemente festosa pervade le scene che si svolgono delicati giardini fioriti in cui le fanciulle prendono il tè o il caffè, come avviene in Giovinetta in giardino, La tazza di caffè, La pittrice.

Invece, i nudi in cui l’artista si esprime al meglio sono Una bagnante solitaria, Nudo di donna e Odalisca.

Accanto alle più frequentate scenette in costume, Francesco Vinea realizza anche una serie di dipinti di paesaggio o di genere a tema pastorale e agreste.

Contadini e figure immersi in paesaggi che denunciano un chiaro legame con il verismo toscano sono presenti in diversi dipinti.

Ne sono esempio A Lerici, Sul lago, Paesaggio con figura, Paese, Contadina nel vigneto.

Qui il pittore appare più sciolto dai dettami della moda internazionale e più indirizzato verso un naturalismo semplice e privo di orpelli.

 

Alcune opere:

San Girolamo (1863)

Portrait of an Old Man (1867)

Seated on a Chair (1867)

Wearing a Overcoat (1867)

Portrait of an old gentleman (1867)

Nello studio del pittore (1868)

Signora con cagnolino in interno (1870)

Sitzende junge dame mit buch (1870)

The proposition (1871)

To your very good health (1872)

The merry cavalier (1873)

Scène galante dans un cellier (1876)

Bracco (1876)

La bonne auberge (1876)

Dans la cave (1876)

Teste di cani levrieri (1876)

Nella cantina (1876)

Donne sui tetti (1877)

Portrait of a man, seated full-length wearing a straw hat in an interior (1878)

Vittorio Emanuele II con i cani (1878)

Ritratto di donna seduta (1878)

An Oriental beauty (1878)

Ragazza in un interno (1878)

Ragazza con cappellino e fiocco rosso (1878)

Il segreto (1879)

Frate francescano con breviario (1879)

Nudo femminile di schiena con fagiano (1879)

Fanciulla con fiori (c.1880)

Interno con figure (1880)

Italian Dance Party (1880)

Paesaggio fiorentino (1880)

Grandmother’s Visit (1881)

The visit (1881)

First Visit (1882)

Courtship (1882)

Flirtation (1882)

Colpo di vento (1882)

Nudo allo specchio (1883)

Dock Scene with large boat and figures (1883)

Merriment in the Tavern (1883)

Revelry (1883)

Flower girl (1884)

Il Giardino botanico (1884)

Scorcio di paese (1884)

Seated poet (1885)

Ritratto di gentiluomo (1885)

Portrait of a Young Woman (1885)

Composizione di fiore con nastro azzurro (1886)

Giovane donna (1887)

Courting couples (1887)

Kavalier und schankmagd im weinkeller (1887)

The welcome advance (1887)

Serenade in the Tavern (1887)

L’inquisizione (1888)

Portrait of a young Lady (1888)

In the wine cellar (1889)

Festive occasion (1889)

Il fanciullo (c.1890)

Good Health and Good Fortune (1890)

Il duello (1890)

Cavalier with a greyhound and lady with a little white dog (1890)

Die Vorstellung (1891)

Corteggiamento (1893)

Girl in garden with basket of flowers (1893)

Casolari toscani (1896)

Beauty on a garden bench (1897)

Young Beauty playing with Kittens (1897)

A romantic dream (1898)

Feathered friend (1901).

 

Translate »
ArtsLife History

GRATIS
VISUALIZZA