Print Friendly and PDF

Opera Viva in Barriera di Milano a Torino

Flashback, la fiera torinese, si promuove con uno spazio pubblicitario gestito da sei artisti che si alternano nei prossimi sei mesi. Ideato dall’artista Alessandro Bulgini, curato da Christian Caliandro lo spazio pubblicitario di tre metri per sei ospiterà, sino al 13 novembre 2016, le opere di artisti nazionali e internazionali appartenenti alle ultime generazioni: Zanbagh Lotfi, Andrea Mastrovito, Saul Melman, Aryan Ozmaei, Gian Maria Tosatti, Alessandro Bulgini

opera viva barriera di milano

Uno spazio pubblicitario di tre metri per sei, è dedicato dal 31 maggio alle opere di Alessandro Bulgini, Zanbagh Lotfi, Andrea Mastrovito, Saul Melman, Aryan Ozmaei, Gian Maria Tosatti. Lo spazio è situato a Torino nella rotatoria di piazza Bottesini, luogo crocevia di culture e territorio ricco di contraddizioni.
Il progetto “Opera Viva Barriera di Milano” è ideato da Alessandro Bulgini e Flashback, la fiera torinese che promuove e sostiene l’iniziativa. I sei artisti, con la curatela di Christian Caliandro, si alterneranno sino al 13 novembre 2016, in una delle periferie più difficili e affascinanti di Torino, in un countdown di avvicinamento alla settimana delle arti contemporanee, in cui la fiera, giunta alla sua quarta edizione, è inserita.
“Opera Viva in Barriera di Milano” nasce con la dichiarata finalità di portare l’arte fuori dai luoghi tradizionali, di mettere l’opera in relazione diretta e senza filtri con le persone e di donare al quartiere un luogo di “accoglienza creativa”.

“Chiudere l’arte e la cultura in luoghi istituzionali, segregarla all’interno di recinti non è mai stata un’opzione salutare, democratica, intelligente: meno che mai in questo momento storico… – afferma Christian Caliandro, curatore di “Opera Viva in Barriera di Milano” -. L’arte deve inoltrarsi nella realtà, muoversi costantemente in essa, aiutare e trasformare la vita delle persone. Il progetto “Opera Viva in Barriera di Milano” si propone così di costruire – con opere diverse mese per mese – una dimensione altra e di riunire tutte queste dimensioni in una visione coerente e in un dialogo attivo con il quartiere.”

Il primo intervento sarà dell’artista iraniana Zanbagh Lotfi. Intitolato Memory Vague 1361 (2015-16), 3: F16, un’opera che racconta gli anni Ottanta iraniani, l’infanzia, i compleanni, le torte, la guerra con l’Iraq, un gigantesco F16, la mamma.

“Flashback – affermano Stefania Poddighe e Ginevra Pucci, direttrici di Flashback – nasce dalla necessità che cultura e mercato siano due elementi della stessa equazione e che il risultato di tale equazione debba essere la conoscenza quale unico strumento in grado di orientare le scelte di ogni individuo. Per questo motivo Flashback vuole imporsi anche come momento di riflessione culturale che non può prescindere dalla propria contemporaneità. Da qui la scelta di promuovere e sostenere “Opera Viva Barriera di Milano”.

Flashback. L’arte è tutta contemporanea, a sei mesi dall’apertura delle porte della fiera, con un linguaggio diretto e sconfinando al di fuori dei luoghi deputati all’arte, rinnova alla Città di Torino e alla cittadinanza un impegno nonché il carattere innovativo del proprio format.

OPERA VIVA BARRIERA DI MILANO
Un progetto di Alessandro Bulgini
A cura di Chistian Caliandro
Promosso e sostenuto da FLASHBACK, l’Arte è tutta Contemporanea

– Dal 31 maggio al 13 novembre 2016 –
Rotatoria Piazza Bottesini, Torino

Artisti: Zanbagh Lotfi, Andrea Mastrovito, Saul Melman, Aryan Ozmaei, Gian Maria Tosatti, Alessandro Bulgini.

__________
1° ARTISTA:
Zanbagh Lotfi – dal 31 maggio al 30 giugno 2016

2° ARTISTA:
Andrea Mastrovito – dal 1 luglio al 30 luglio

3° ARTISTA:
Saul Melman – dal 31 luglio al 30 agosto

4° ARTISTA:
Aryan Ozmaei – dal 2 settembre al 30 settembre

5° ARTISTA:
Gian Maria Tosatti – dal 1 ottobre al 29 ottobre

6° ARTISTA:
Alessandro Bulgini – dal 30 ottobre al 13 novembre

Commenta con Facebook

leave a reply

*