Print Friendly and PDF

Dialoghi e corrispondenze da Tiziano a Ligabue. Sgarbi porta secoli d’arte nel presepe di Sutri

Ligabue ( particolare)
Ligabue ( particolare)

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’. Vittorio Sgarbi, sindaco di Sutri, regala, in occasione del Caffeina Christmas Village, l’ingresso gratuito alla mostra da lui curata e ospitata nelle sale dello splendido Palazzo Doebbing appena restaurato. Da vedere, ecco perché.

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife
‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife

Tempo di calendari dell’Avvento, addobbi e mercatini. Perfino la nota irriverenza del Professor Vittorio Sgarbi si lascia avvolgere dalla calda atmosfera natalizia. Del resto, il pittoresco borgo di Sutri -del quale lo storico d’arte è sindaco dal 2018- in questo periodo dell’anno sembra un piccolo presepe e non può lasciare indifferente nemmeno chi della bellezza ne ha fatto il proprio lavoro.

Dialoghi a Sutri Renato Guttuso
Dialoghi a Sutri
Renato Guttuso

Ecco quindi che in occasione del Caffeina Christmas Village– il villaggio natalizio allestito a Sutri fino al 6 gennaio – Vittorio Sgarbi, apre le porte del Museo di palazzo Doebbing che ospita la mostra “Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri”, offrendo l’ingresso gratuito, come regalo di Natale dell’amministrazione, a quanti visiteranno la città. Saranno inoltre sorteggiati ogni mille visitatori 20 cataloghi dell’esposizione: uno ogni 50 nella serie progressiva del biglietti.

volpe che azzanna una gallina nell'opera di Ligaube
“Dialoghi a Sutri”
Antonio Ligabue – Volpe con Gallina, 1955

L’esposizione è composta da 11 piccole mostre in dialogo tra loro. Il concetto è l’assenza di un concetto che non sia la contemporaneità dell’arte di ogni tempo. Da Tiziano fino a Bacon, l’allestimento della mostra scorre come un flusso continuo. Lo avverti mentre passeggi per le sale del palazzo restaurato. In un’atmosfera sospesa, il flusso continuo ti avvolge, ti guida a inaspettati e sorprendenti accostamenti o affascinanti contrasti.

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife
‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife

Suggestioni che consistono in molteplici dialoghi -da qui il nome della mostra- alcuni consolidati (ad esempio, Ligabue e Rousseau,  Bacon e Pirandello), altri inaspettati. Tutti intimamente legati tra loro. Come il richiamo della virginale potenza della natura in Rousseau – presente in mostra con un capolavoro assoluto, “La Charmeuse de serpents” –  e Ligabue.

Dialoghi a Sutri Henri Rousseau, “La charmeuse de serpents”
Dialoghi a Sutri
Henri Rousseau, “La charmeuse de serpents”

Quest’ultimo legato però anche da quel sottile filo rosso della psiche che lo accomuna – soprattutto riguardo al tema dell’autoritratto – al  tormento di un Bacon, di un Pirandello o di un Rosai. E quanto a Bacon, scoprire l’influenza esercitata da Ottone Rosai sulla sua vicenda artistica sarà una piacevole sorpresa. L’accostamento tra i due rende evidente quanto aveva del resto ammesso lo stesso pittore di origine irlandese:

“Non esito a fare il nome di Ottone Rosai, uno fra i più grandi pittori di questo secolo: soprattutto gli autoritratti e i nudi che egli ha dipinto, gli uni all’inizio, gli altri alla fine degli anni Quaranta, hanno generato in me profonde riflessioni e non pochi trasalimenti”.

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife
‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife

Bacon che condivideva invece con Pirandello il destino segnato da un padre dispotico e ingombrante. Le opere in mostra esprimono la lotta estenuante con i propri demoni interiori seppur con esiti espressivi completamente diversi. Come scrive Sgarbi, riferendosi agli autoritratti presenti in mostra del pittore italiano:

” Sono documenti di una crisi non risolta ma composta, non gridata, all’opposto della devastazione dei volti di Francis Bacon, e piuttosto affine all’umore nero di Lucian Freud, tra malinconia, inquietudine e depressione”

Dialoghi a Sutri Fausto Pirandello
Dialoghi a Sutri
Fausto Pirandello – Courtesy Image Palazzo Doebbing

Quanto ai disegni di Bacon che occupano la sala al pian terreno del palazzo, rappresentano una sorta di partita finale dell’artista con se stesso e le sue opere giovanili. Disegni e pastelli di grandi dimensioni non destinati ad essere esposti al pubblico ma come dono dell’amico Lovatelli Rovarino e che, proprio per questo motivo, rappresentano un inedito e importante tassello della vicenda artistica di Bacon.

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife
‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife

Del resto ai tormenti di certi artisti ‘maledetti’ come Ligabue, Pirandello e Rosai, possiamo anche accostare le opere forti, intense e drammatiche di Ernesto Lamagna, uno degli scultori contemporanei più importanti del nostro paese, che vanta importanti sculture pubbliche – soprattutto a tema religioso- in tutto il mondo. Sgarbi ha disseminato le sue potenti opere plastiche lungo tutto il percorso di mostra, suggerendo anche inaspettati dialoghi con le opere degli altri artisti.

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife
‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife

Sculture fortemente simboliche, dove non manca quasi mai il melograno, simbolo di nuova vita e il tema della maschera di pirandelliana memoria. Una maschera che raffigura anche, appunto, un conflitto interiore dell’artista che rappresenta se stesso nelle viscere delle fragilità e delle miserie umane.

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife
‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife

Tuttavia, le suggestioni espressioniste lo accostano anche a Renato Guttuso, presente in mostra con le preziose opere della Collezione Lino Mezzacane che dopo il Guggenheim di New York e il Pushkin di Mosca, approdano al Palazzo Doebbing di Sutri. Tra le opere -splendido il ritratto della moglie di Renato, Mimise- troverete anche il bozzetto della Vucciria.

Dialoghi per accostamenti e suggestioni ma anche per contrasti, Come le due pale francescane messe a confronto, quella di Tiziano (Estasi di San Francesco), di fronte a quella di Scipione Pulzone ( l’Immacolata). La prima di una sconvolgente modernità che apre a El greco e l’altra classicissima e rigorosa.

Dialoghi a Sutri Tiziano, “Estasi di San Francesco
Dialoghi a Sutri
Tiziano, “Estasi di San Francesco

Impreziosiscono la mostra le fotografie di Carlos Solito, “A chent’annos”, e i dipinti sospesi di Luca Crocicchi ‘Passaggio a Sutri”.

‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife
‘Da Tiziano a Bacon. Dialoghi a Sutri’ . Foto ArtsLife

Le mostre non finiscono qui. Ricordiamo infatti che all’apertura della mostra è stato inaugurato anche il Museo di Arte Antica e di Arte Sacra che costituisce la parte espositiva permanente del museo di Palazzo Doebbing, e ospita i tesori dell’antica Sutri. Tra le preziose opera spicca lo splendido Efebo di Sutri, la piccola e incantevole scultura in bronzo del I secolo d.C. ritornata ‘a casa’ nel 2016 dopo essere stata conservata nel Museo Nazionale Romano. Il giovane intento a specchiarsi si confronta divinamente con la giovinetta dai seni acerbi di Lamagna.

Efebo di Sutri
Courtesy Image Palazzo Doebbing

La rassegna dell’ingresso gratuito durerà fino al 6 gennaio, la mostra fino al 20 gennaio.

Commenta con Facebook