Print Friendly and PDF

Quando la Gioconda conquistò New York. Uno storico video del Metropolitan ne ricorda l’arrivo nel 1963

Il 7 febbraio 1963, la Mona Lisa di Leonardo da Vinci fece il suo debutto pubblico al Met. Centinaia di persone erano in fila in quella fredda mattina d’inverno, ansiose di avere l’opportunità di vedere uno dei dipinti più famosi del mondo. Tenuto dietro un vetro antiproiettile spesso un paio di centimetri e sotto un’intensa sorveglianza, tra cui due uomini dei servizi segreti, due detective della polizia di New York City e due guardie del museo, La Gioconda alla fine ha attirato più di un milione di visitatori al Met nel giro di un singolo mese.

Nella primavera del 1962, André Malraux, il ministro francese per gli affari culturali, era in visita ufficiale a Washington, DC, quando la First Lady Jacqueline Kennedy gli si avvicinò con la proposta di esporre la Gioconda negli Stati Uniti. Malraux era aperto al suggerimento, e alla fine dell’anno, tutta la Francia era in fermento per il possibile viaggio oltreoceano dell’opera. Il dipinto aveva lasciato il suolo francese solo una volta, nel 1911, quando un ex dipendente del Louvre, Vincenzo Peruggia, l’aveva rubata e trasportata in Italia. Molti in Francia si opposero al prestito ritenendo che un viaggio transatlantico avrebbe danneggiato il dipinto; un gruppo di curatori del Louvre minacciò addirittura di dimettersi se il dipinto fosse stato prestato agli Stati Uniti, e il quotidiano Le Figaro pubblicò un articolo chiedendo al popolo americano di rifiutare il prestito.

MET HISTORY | foto d’archivio

Nonostante le resistenze, il 19 dicembre 1962, la SS France, accompagnata dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti, entrò nel porto di New York come se trasportasse un capo di stato in visita. La Casa Bianca aveva annunciato che il dipinto avrebbe ricevuto il livello di protezione dei servizi segreti normalmente riservato al presidente degli Stati Uniti. Al suo arrivo, il dipinto è stato trasferito su un furgone con aria condizionata per il trasporto alla National Gallery di Washington, infatti, la prima tappa del dipinto in America non doveva essere il Metropolitan che ricevette la conferma ufficiale di poter esporre la dama leonardesca solo quando questa era già in transito.

La mattina del 7 febbraio una lunga fila cominciò a formarsi all’esterno del Museo. La prima persona che ha aspettato dietro le barricate di legno è stato un tassista di Brooklyn che si presentò quattro ore prima dell’orario di apertura previsto. Varie sono state le reazioni del pubblico che hanno sorpreso il personale del Metropolitan in piedi vicino al dipinto. Una donna ha fatto un inchino prima di uscire dalla sala, ad un curatore è stato chiesto di tenere in braccio il bambino di un uomo in modo che potesse vedere il dipinto senza ostacoli, è rimasto sorpreso quando l’uomo ha risposto: “Voglio che lo veda e poi quando sarà grande potrò dirgli che l’ha visto”. Le temperature gelide all’esterno hanno reso ancora più sorprendente il fatto che così tante persone abbiano aspettato pazientemente il loro turno per vedere il dipinto. In una giornata particolarmente fredda, settanta ragazze sono arrivate dal New Jersey e si sono messe in fila alle 10:00. Hanno aspettato in fila per oltre tre ore prima di entrare finalmente nel Museo. Lo shock di entrare in un edificio caldo dopo essere stato al freddo per così tanto tempo ha fatto svenire molte di loro. In un giorno da record, 63.675 persone hanno potuto vedere il dipinto.

Quando il 12 marzo dello stesso anno l’opera ha fatto ritorno in Francia, Malraux alla domanda sul motivo di una concessione così importante rispose: “perché nessun’altra nazione l’avrebbe accolta come gli Stati Uniti”.

MET HISTORY | foto d’archivio

Commenta con Facebook