Print Friendly and PDF

Un Natale a suon di share!

X-mas Viral

X-mas Viral

Anche se sono finiti i tempi dei grandi creativi di Madison Avenue, quando Natale si avvicina la fantasia dei pubblicitari si scatena e il popolo del web risponde stilando una vera e propria top five natalizia.

Tra i più chiacchierati si contendono il podio: i grandi magazzini inglesi John Lewis e la Loteria de Navidad spagnola. La catena britannica, i cui spot sono viralissimi già da anni, nel 2015 sente l’esigenza di raccontare la generosità d’animo. Così, attraverso la fantasia di una bambina che contempla il cielo con il suo telescopio, scopriamo l’esistenza di un uomo che vive sulla Luna. Nonostante siano inutili gli sforzi che la piccola compie per raggiungere l’anziano extraterreste, quando la magia del Natale prende vita, avviene l’incredibile e un solo sorriso è capace di strappare migliaia di like e lacrime di gioia.

Ma la fabbrica dei manichini spagnola scippa il primato agli inglesi con una storia animata figlia di un italiano, Giacomo Talignani. Il protagonista è Justino , un custode di notte che, per combattere la solitudine, fa vivere, per gli altri colleghi, i manichini dell’azienda. Preso dall’obbiettivo di regalare una risata agli impiegati diurni, finisce per dimenticare se stesso e quel biglietto in cui tutti sperano ma, proprio come in una favola, alla fine, il bene verrà ricompensato.

Anche in Germania si parla di solitudine ma lo si fa in modo molto meno edulcorato.
Lo spot pensato dalla catena di supermercati tedeschi EDEKA, infatti, racconta la storia di un nonno e della sua difficoltà di raccogliere intorno a sé figli e nipoti per il giorno di Natale. L’anziano protagonista di questa pubblicità, per riuscire nel suo intento, sarà costretto ad un crudele stratagemma: fingersi morto per riunire la famiglia. Geniale o cinica? A voi la sentenza, sicuramente questa idea ha molto da insegnare: non aspettiamo di perdere qualcuno prima di comprenderne il valore.

Nella top five dei X-mas Emotional le nonne italiane però non appaiono per nulla abbandonate.
Ce lo racconta il colosso dell’arredamento IKEA, che con il suo spot La Nonna vs Cesare mette in atto una competition sulle note della tradizionale Deck the halls rivisitata in chiave duello western. Le due generazioni qui si sfidano nella preparazione del pranzo natalizio incitate da una vera e propria tifoseria da stadio di amici e parenti. Chi vincerà? Questo poco importa nel #giornogiustopercondividere.

Ma non tutti a Natale sono più buoni. E’ il caso di Niente Regali.
Questo il claim dello spot che la Pay Pal British ha pensato per le feste e che in meno di ventiquattro ore dalla messa in onda è diventato un vero e proprio motivo di polemica mediatica. La società che si occupa di transazioni monetarie on-line è stata accusata di aver svelato in prime time, durante X Factor, l’inesistenza di Babbo Natale. Lo spot infatti mette in scena la preoccupazione di due fratelli in età scolare notando che i genitori non si stanno dando da fare per la fatidica notte. Nel timore di rimanere senza regali pongono quesiti costanti che proverebbero l’inesistenza di Babbo Natale, sospetto confermato, secondo la maggior parte dei telespettatori, dalla scena finale in cui mamma e papà sono inquadrati nell’atto di acquistare dei giocattoli on-line comodamente seduti sul proprio divano.
E mentre in gran parte del Nord Europa la messa in onda di questo spot è stata vietata, da Pay Pal si scusano, in fondo lì sono tutti adulti e forse hanno perso quella polvere di stelle che rende vivo lo spirito magico del Natale.

Commenta con Facebook

leave a reply

*