Print Friendly and PDF

Quando la pittura si liberò dal pennello. Un’opera giovanile di Jackson Pollock in asta da Christie’s

JACKSON POLLOCK (1912-1956)Red Compositionsigned ‘Jackson Pollock’ (lower right); signed again and dated ‘Pollock 46’ (on the reverse)oil on Masonite19 ¼ x 23 ¼ in. (48.9 x 59.1 cm.)Painted in 1946.Estimate: $12-18 million
JACKSON POLLOCK (1912-1956)
Red Composition
signed ‘Jackson Pollock’ (lower right); signed again and dated ‘Pollock 46’ (on the reverse)
oil on Masonite 19 ¼ x 23 ¼ in. (48.9 x 59.1 cm.) Painted in 1946.
Estimate: $12-18 million

Red Composition di Jackson Pollock sarà tra gli highlight dell’asta serale di Christie’s di arte del XX e del XXI secolo del prossimo 6 ottobre a New York. L’opera giovanile è stata nella collezione di Peggy Guggenheim

Stimata $ 12-18 milioni, è un’importante opera giovanile del celebre artista americano la cui tecnica pittorica avrebbe rivoluzionato l’arte del XX secolo. Insieme ai ritratti di donne di Willem de Kooning, ai campi di colore di Mark Rothko e alle Campbell’s Soup di Andy Warhol, i dipinti “a goccia” di Jackson Pollock sono diventati alcuni dei lavori più importanti dell’ultima parte del Ventesimo secolo.

“Red Composition” è stato dipinto in un momento cruciale quando l’artista si stava allontanando dagli elementi più figurativi della sua pratica precedente. Rappresenta il periodo durante il quale la pittura si libera dal pennello, uno sviluppo che rivoluzionerà per sempre questa pratica. Con “Red Composition”, Pollock aveva compiuto un passo importante per diventare, usando le parole di Peggy Guggenheim, “il più grande pittore dai tempi di Picasso”.

Everson Museum di Syracuse, New York | Staircase B&W
Scott_Basile-Everson-I.M.-Pei-1

Il dipinto è stato consegnato a Christie’s dall’Everson Museum di Syracuse, New York. La scelta del museo di vendere la tela è stata fatta per raccogliere fondi per perfezionare e diversificare la sua collezione e istituire un fondo per le future acquisizioni di opere d’arte di artisti di colore, donne artiste e altre “minoranze”. Questa vendita sarà un’opportunità rara per acquisire un’opera di qualità museale di Pollock che segna la svolta della sua leggendaria tecnica del “gocciolamento”.

“Red Composition” è stato dipinto direttamente dopo Free Form, probabilmente il suo primo  “drip” painting, che si trova nella collezione del Museum of Modern Art a NYC.

Jackson Pollock
Free Form
1946

La decisione di vendere ha il sostegno del Board of Trustees del museo, nonché della fondazione istituita da Dorothy e Marshall M. Reisman che hanno donato l’opera nel 1991.

Red Composition ha fatto parte della collezione della leggendaria mercante e gallerista Peggy Guggenheim, tra i primi e più ardenti mecenati di Jackson Pollock. La Guggenheim ha poi donato il dipinto nel 1947 a James Ernst, figlio del pittore surrealista Max Ernst, che è stato marito della collezionista. All’inizio degli anni ’50, Red Composition fu poi acquistato dall’uomo d’affari di New York Marshall Reisman e da sua moglie Dorothy. L’opera è rimasta nella loro collezione personale per oltre quarant’anni fino a quando è stata donata nel 1991 all’Everson Museum of Art. Ora  verrà venduta da Christie’s alla stima di  $12-18 milioni.

Le origini dello stile distintivo di Pollock sono emerse proprio nel 1946, in quello che è stato considerato l’anno più importante dell’artista. Nel 1946 Pollock ha prodotto, insieme a “Red Composition”,  la sua seminale serie Sounds in Grass; questi sette dipinti segnano l’abbandono di Pollock del pennello. Inizia Infatti ad applicare i colori spalmandoli direttamente dal tubetto. Questa importante serie di dipinti include Eyes in the Heat (Collezione Solomon R. Guggenheim, New York), considerato tra primi dipinti che preannunciano quelli  dell’inverno del 1946-47 .

Jackson Pollock. Eyes in the Heat, 1946 © 2018 The Pollock-Krasner Foundation/Artists Rights Society (ARS), New York

www.christies.com

Commenta con Facebook