Print Friendly and PDF

Nessuno è escluso agli occhi di chi sa guardare. Christian Tasso a Milano celebra la bellezza del diverso

Manzanillo, Cuba, 2016 © Christian Tasso “Ogni giorno vado in mare”.
Manzanillo, Cuba, 2016 © Christian Tasso
“Ogni giorno vado in mare.”

Questo è il modo di educare gli occhi. Guardare, spiare. Ascoltare di nascosto. Morire sapendo qualcosa. Non siamo qui a lungo.”(Walker Evans)

Nessuno escluso, la coinvolgente mostra dell’artista Christian Tasso (Macerata, 1986) inaugura alla Fabbrica del Vapore di Milano. Visitabile fino al 28 maggio, l’esposizione mostra – attraverso storie e vividi scatti – situazioni e aspirazioni di persone con disabilità in varie parti del mondo. Le immagini non mettono in evidenza la loro “diversità”, ma il forte contributo che la loro inclusione porta alla società. La mostra – sotto la preziosa curatela di Adelina von Fürstenberg – è prodotta da ART for The World.

 Monti Niligiri, India, 2017 “Mentre i nostri genitori sono fuori nelle piantagioni di tè, noi giochiamo insieme agli altri bambini del villaggio.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Monti Niligiri, India, 2017
“Mentre i nostri genitori sono fuori nelle piantagioni di tè, noi giochiamo insieme agli altri bambini del villaggio.”
150 x 150 cm ©Christian Tasso

Ho viaggiato lungo quindici Paesi e ho sentito il bisogno di spostare l’attenzione sulle persone. Questo è per me un progetto collettivo, basato su tutta la gente che ho rappresentato. Ho passato del tempo con loro, condividendo un tratto di vita: questo è il responso di un viaggio durato cinque anni. La fotografia è l’ultima cosa per me. Al centro c’è la relazione.”(Christian Tasso)

Chennai, India, 2017 © Christian Tasso “Mi piace correre nei campi e giocare a nascondino con gli amici. A volte la mamma dice che sono troppo vivace, ma non credo che sia vero”
Chennai, India, 2017 © Christian Tasso
“Mi piace correre nei campi e giocare a nascondino con gli amici. A volte la mamma dice che sono troppo vivace, ma non credo che sia vero.”

L’artista presenta dunque una serie di lavori fotografici appositamente di grande e medio formato, per meglio mostrare volti, sguardi ed espressioni delle persone incontrate in diverse parti del mondo (dall’Ecuador al Nepal, fino a Cuba, Etiopia e Mongolia). Gli scatti – esclusivamente in pellicola sviluppata manualmente in camera oscura – celebrano la diversità come risorsa per l’intera umanità. La diversità infatti non deve essere vista come un limite, un gap sociale, ma una risorsa integrata nel contesto sociale in cui si vive, come narrano egregiamente i racconti fotografici di Tasso.

Trinidad, Cuba, 2016 “Posso sentire le parti della macchina e capire i problemi dei motori solo ascoltando i loro suoni. Questo mi aiuta a realizzare un buon lavoro.” 40 x 40 cm ©Christian Tasso
Trinidad, Cuba, 2016
“Posso sentire le parti della macchina e capire i problemi dei motori solo ascoltando i loro suoni.Questo mi aiuta a realizzare un buon lavoro.”
40 x 40 cm ©Christian Tasso
Kathmandu, Nepal, 2015  "La mia famiglia mi apprezza per quello che sono." ©Christian Tasso
Kathmandu, Nepal, 2015  “La mia famiglia mi apprezza per quello che sono.” ©Christian Tasso
Kathmandu, Nepal, 2015 “Siamo unite e ci supportiamo a vicenda; l’amicizia è questo per noi.” 40 x 40 cm ©Christian Tasso
Kathmandu, Nepal, 2015
“Siamo unite e ci supportiamo a vicenda; l’amicizia è questo per noi.”
40 x 40 cm ©Christian Tasso

Presentando al pubblico stralci di vita delle persone con disabilità, la mostra Nessuno Escluso è uno strumento di incontro e avvicinamento all’inclusione. Ogni immagine scattata da Christian Tasso riflette sulla storia personale del progetto fotografato, che è e rimane un individuo prima di tutto con la sua storia e le sue ambizioni personali: la disabilità diventa così uno dei tanti elementi che costituiscono la sua identità, non l’elemento cardine come erroneamente si tende a giudicare.

Dhading Besi, Nepal, 2015 “Un giorno l’ho incontrata e ci siamo innamorati. I miei vicini non mi crede- vano quando ho detto loro che mi sarei sposato. Oggi aspettiamo il nostro primo figlio. Sarà dura, il terremoto ha distrutto la nostra casa, ma ce la faremo e non vediamo l’ora che nasca.” 40 x 40 cm ©Christian Tasso
Dhading Besi, Nepal, 2015
“Un giorno l’ho incontrata e ci siamo innamorati. I miei vicini non mi credevano quando ho detto loro che mi sarei sposato. Oggi aspettiamo il nostro primo figlio. Sarà dura, il terremoto ha distrutto la nostra casa, ma ce la faremo e non vediamo l’ora che nasca.”
40 x 40 cm ©Christian Tasso
. Provincia del Hôvsgôl, Mongolia, 2017 “Adoro i cavalli, mi piacciono e li cavalco sempre quando posso. Ma adoro anche la mia moto, che spesso è più comoda e mi permette di essere più veloce.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Provincia del Hôvsgôl, Mongolia, 2017
“Adoro i cavalli, mi piacciono e li cavalco sempre quando posso. Ma adoro anche la mia moto, che spesso è più comoda e mi permette di essere più veloce.”150 x 150 cm ©Christian Tasso

La serie fotografica dunque cerca di liberare lo sguardo del visitatore da visioni e preconcetti basati meramente sulla disinformazione e su idee oggi controverse riguardanti i disabili. Tasso porta alla luce l’aspetto sensibile e umano dei soggetti fotografati, facendoci scoprire la loro vita quotidiana, il loro lavoro, il piacere di stare in famiglia.

Molto bello l’intervento curatoriale di Adelina von Fürstenberg che, allegando alle immagini stralci di racconto di vita dei personaggi incontrati dal fotografo, rende gli scatti dell’artista ancora più vividi.

 Provincia del Hôvsgôl, Mongolia, 2017 “I tempi stanno cambiando, non siamo più nomadi ma mi piace vivere qui, lontano dalla città, come ho vissuto per tutta la mia vita. Adoro stare fuori dalla mia iurta al tramonto; mi siedo qui insieme al mio gatto e alla mia capra e guardiamo il sole scendere.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Provincia del Hôvsgôl, Mongolia, 2017
“I tempi stanno cambiando, non siamo più nomadi ma mi piace vivere qui, lontano dalla città, come ho vissuto per tutta la mia vita. Adoro stare fuori dalla mia iurta al tramonto; mi siedo qui insieme al mio gatto e alla mia capra e guardiamo il sole scendere.”
150 x 150 cm ©Christian Tasso
Kampong Cham, Cambogia, 2016 “Mio figlio crescerà a casa sua, nella sua comunità.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Kampong Cham, Cambogia, 2016
“Mio figlio crescerà a casa sua, nella sua comunità.”
150 x 150 cm ©Christian Tasso

Mi sono interrogato fortemente sulla bellezza: se è da intendersi come puro fattore estetico, come rigido costrutto culturale o come esempio di matematica perfezione. Nessuno di questi tre esempi rientra nelle opere qui raccolte. La bellezza che ho cercato e che propongo si compone di imperfezione, come elemento caratterizzante l’unicità di un soggetto; di armonia; di dialogo non verbale, dove l’obiettivo fotografico ha il compito di proporre all’infinito l’emozione di un frammento di vita condiviso. Nessuno è escluso laddove avrà il suo ruolo nella comunità. Nessuno è escluso agli occhi di chi sa guardare.”(Christian Tasso)

Narok, Kenya, 2017 “Siamo una grande famiglia, e da noi c’è spazio per tutti. Certo, la vita nella savana è difficile, i tanti cambiamenti degli ultimi tempi ci spingono a modificare radicalmente il nostro stile di vita. Ma insieme ce la faremo.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Narok, Kenya, 2017
“Siamo una grande famiglia, e da noi c’è spazio per tutti. Certo, la vita nella savana è difficile, i tanti cambiamenti degli ultimi tempi ci spingono a modificare radicalmente il nostro stile di vita. Ma insieme ce la faremo.”
150 x 150 cm ©Christian Tasso
Provincia del Dundgov’, Mongolia, 2017 “Sono diventato sciamano in giovane età. Non sapevo che lo sarei diventato, ma poi lo spirito mi ha scelto e mi sono ritrovato a scoprire nuovi aspetti sorprendenti e appassionanti di me, degli altri e della realtà che ci circonda. Mi piace il mio ruolo, sento di essere utile a molti e so di essere importante per la mia comunità.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Provincia del Dundgov’, Mongolia, 2017
“Sono diventato sciamano in giovane età. Non sapevo che lo sarei diventato, ma poi lo spirito mi ha scelto e mi sono ritrovato a scoprire nuovi aspetti sorprendenti e appassionanti di me, degli altri e della realtà che ci circonda. Mi piace il mio ruolo, sento di essere utile a molti e so di essere importante per la mia comunità.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Penipe, Ecuador, 2015 “Vivo alle pendici del vulcano Tungurahua. So già che un giorno dovremo lasciare tutto e abbandonare questo posto per l’attività del vulcano e i rischi di un’eruzione.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Penipe, Ecuador, 2015
“Vivo alle pendici del vulcano Tungurahua. So già che un giorno dovremo lasciare tutto e abbandonare questo posto per l’attività del vulcano e i rischi di un’eruzione.” 150 x 150 cm ©Christian Tasso
Christian Tasso, NESSUNO ESCLUSO

Il libro con le immagini della mostra, edito da Contrasto, è consultabile in mostra e acquistabile sull’eshop della casa editrice www.contrastobooks.com

L’ingresso è gratuito fino al 28 maggio, da lunedì a venerdì orario 12-19.

Necessaria la prenotazione online: www.eventbrite.it

Entrata contingentata con mascherina obbligatoria.

www.fabbricadelvapore.org

Commenta con Facebook