Print Friendly and PDF

La dinastia Brueghel a Villa Olmo

Hieronymus Bosch, I sette peccati capitali, olio su tavola, 86,5x56 cm
Sto caricando la mappa ....

Data
Data - 24 Mar 2012 until 29 Lug 2012

Luogo
Villa Olmo

Categoria/e
antica

Artista
Hieronymus Bosch, Pieter Brueghel il Vecchio

Curatore
Sergio Gaddi e Doron J. Lurie

Web:-


Brueghel-artslife.com
Hieronymus Bosch, I sette peccati capitali, olio su tavola, 86,5×56 cm

Le sale della settecentesca Villa Olmo si apriranno ai capolavori della Dinastia Brueghel
24 marzo – 29 luglio 2012, Como, Villa Olmo, a cura di Sergio Gaddi e Doron J. Lurie

L’esposizione ripercorre la storia e l’eccezionale talento della più importante stirpe di artisti fiamminghi attivi tra il XVI e il XVII secolo, attraverso 70 dipinti e 30 tra disegni e grafiche dei suoi maggiori esponenti.

Il capoluogo lariano sarà la tappa inaugurale di un circuito internazionale che toccherà Tel Aviv, Praga, Miami e ospiterà per la prima volta in Italia, il capolavoro di Hieronymus BoschI sette peccati capitali”, prima di volare negli Stati Uniti (Miami, primavera 2013).

Curata da Sergio Gaddi e Doron J. Lurie, conservatore dei Dipinti Antichi al Tel Aviv Museum of Art, ideata e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Como, la mostra intitolata “Dinastia Brueghel” presenterà 70 dipinti e 30 tra disegni e grafiche, provenienti da importanti collezioni private e musei italiani e stranieri, tra cui il Kunsthistorisches Museum di Vienna, il Palais des Beaux arts de Lille, il Tel Aviv Museum of Art, il Bonnefantenmuseum di Maastricht, la Pinacoteca Ambrosiana di Milano, il Museo di Capodimontedi Napoli.

La mostra di Villa Olmo – dichiara Sergio Gaddi, Assessore alla Cultura del Comune di Como e curatore della mostra – celebra il genio della nobile stirpe dei Brueghel che, tra il 1500 e il 1600, ha segnato con il suo talento e la sua visione dell’umanità, a volte grottesca, la storia dell’arte europea dei secoli a venire. Le opere di Pieter Brueghel il Vecchio e della sua genealogia ci accompagneranno in un itinerario seducente, e al tempo stesso appassionante, nell’epoca d’oro della pittura fiamminga del Seicento, nel quale s’incontrerà come ideale compagno di viaggio quel Pieter Paul Rubens, i cui capolavori furono ospitati a Como, non più tardi di due anni fa. Inoltre, il percorso espositivo sarà aperto da una straordinaria tavola di Hieronymus Bosch, un inedito assoluto per il nostro Paese.

Quello sulla Dinastia dei Brueghel è l’evento più ambizioso tra quelli finora prodotti e organizzati a Como; è un progetto unico, mai realizzato in precedenza, né in Italia né all’estero, la cui idea risale a molti anni fa. E per la prima volta verrà esportato internazionalmente con diverse tappe tra l’Europa e gli Stati Uniti.

Il percorso espositivo si apre e ruota attorno al capolavoro “I sette peccati capitali”di Hieronymus Bosch – che giunge in Italia per la prima volta – maestro che è stato il punto di riferimento stilistico di Pieter Brueghel il Vecchio (1520/25-1569, detto Pieter Brueghel I) proprio  il capostipite e il pittore più importante della dinastia artistica più influente nell’Olanda meridionale tra il XVI e il XVII secolo.

La sua opera s’interroga sulla condizione dell’uomo e del mondo in cui vive; le raffigurazioni di paesaggi animati da popolani e le scene di vita contadina propongono una critica sarcastica dei vizi umani. Illustra proverbi e detti popolari, in modo realistico, riflessivo, provocatorio, tagliente e non sempre di facile interpretazione, originando un’opera ricca di contenuti morali.

I dipinti di Pieter I erano per la maggior parte custoditi in collezioni private e pertanto inaccessibili al pubblico, per questo la sua fama è ampiamente riconducibile al figlio Pieter Brueghel il Giovane il quale assicurò la diffusione delle opere paterne eseguendo copie delle stesse, come nel caso del “Censimento a Betlemme” eseguito da Pieter II nel 1605 – 1610, riproducendo la versione paterna del 1566, oggi custodita ai Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique di Bruxelles.

Di Pieter Brueghel il Vecchio si potrà ammirare “La Risurrezione”, una delle sue opere a soggetto biblico più suggestive.

Verso il 1600, i dipinti in “stile Brueghel” furono molto in voga; i migliori furono eseguiti da Pieter Brueghel II (1564-1637/8, detto Pieter Brueghel II), che si distinse per un’eccellente tecnica, volta a una semplificazione, forse eccessiva e quasi caricaturale, della pittura di genere. Poteva essere austero, grave, solenne e al tempo stesso sarcastico.

Dipinse figure e paesaggi molto particolari nello stile del padre ma innovandolo tramite una personale elaborazione; continuò fino al 1616 nella tradizione paterna attraverso la copia delle sue opere ma nel frattempo ampliò la produzione introducendo nuovi temi. Proprio nel 1616 realizzò la sua prima versione di Festa del villaggio.

Questo divenne il tema dominante del suo lavoro e lo accompagnò fino alla morte. In mostra, alcuni straordinari esempi della rappresentazione di questi aspetti sono “Festa di matrimonio all’aperto”, “L’adulatore” e due eccezionali versioni di “Paesaggio invernale con trappola per uccelli “.

L’analisi della Dinastia Brueghel prosegue con Jan Brueghel il Vecchio (1568-1625, detto Jan Brueghel I), figlio di Pieter Brueghel il Vecchio. Formatosi ad Anversa, attorno al 1589 intraprese un viaggio in Italia dove incontrò due persone fondamentali per la sua futura carriera: il pittore fiammingo Paul Bril e il cardinale milanese Federico Borromeo che divenne suo influente collezionista e col quale mantenne una costante corrispondenza anche dopo il suo rientro ad Anversa.

L’importante risultato conseguito da Jan nella pittura del XVI secolo fu determinato dal graduale passaggio da un secolo all’altro, dal vecchio al nuovo.

Nei paesaggi di piccole dimensioni come “Paesaggio fluviale con bagnanti” dipinto tra il 1595 e il 1600 circa o “Villaggio con contadini e animali del 1609″, abbandonò la composizione tradizionale basata su piani d’immagini ben definiti, conferendo maggior rilievo ai primi piani e ai piani intermedi. La prima natura morta con fiori del 1615 segnò la sua dedizione a questo genere pittorico che lo portò a essere soprannominato “Brueghel dei fiori”.

A Como, si potrà ammirare “Madonna con Bambino in una ghirlanda di fiori”, realizzata tra il 1616 e il 1618, a quattro mani con Pieter Paul Rubens, col quale iniziò una lunga collaborazione e con cui era legato da profonda amicizia, al punto che, dopo la sua morte, Rubens fu nominato suo esecutore testamentario, stringendo un sodalizio anche con il figlio Jan Brueghel il Giovane (1601-1678, detto Jan Brueghel II).

Quest’ultimo, alla morte del padre, divenne il capo di una grande famiglia, ne rilevò lo studio, ed entrò a far parte della Gilda di San Luca, una delle più prestigiose associazioni fiamminghe di artisti ed artigiani.

Jan Brueghel conseguì un grande successo attraverso la vendita dei dipinti da lui ereditati, completando quelli rimasti incompiuti e producendo nuove creazioni secondo il suo stile personale. Collaborò a stretto contatto con il pittore di figure Hendrik van Balen, fino alla morte di quest’ultimo avvenuta nel 1632, come ne l’”Allegoria dei quattro elementi“.

Jan ebbe undici figli, sette maschi, cinque dei quali divennero anch’essi pittori. Il percorso a Villa Olmo darà quindi conto degli eredi di questa tradizione. A partire da Jan Peter Brueghel (1625-1680 ca.) che si dedicò al genere floreale, per proseguire con Abraham Brueghel (1631-1697), pittore di paesaggi e nature morte con fiori e frutta.

Un discorso particolare verrà riservato a Jan van Kessel I (1626-1679), figlio di Paschasia, sorella di Jan Brueghel il Giovane. Si specializzò in dipinti di piccole dimensioni di soggetti tratti dalla natura, soprattutto animali, insetti, uccelli e fiori, e allegorie, come nei famosi “Studi di farfalle e altri insetti”, in cui gli animali sono raffigurati con rigore scientifico. A questi, fanno da corollario i lavori dei figli Jan II e Ferdinand.

A Como si avrà la sorpresa di ammirare anche le opere di Ambrosius Brueghel (1617-1675), artista poco conosciuto e studiato, come “Coppia di nature morte con fiori”, e un il ciclo di 4 dipinti raffiguranti l’Allegoria degli elementi: terra, fuoco, acqua, aria.

Il percorso si chiude idealmente con David Teniers il Giovane (1610-1690; detto David Teniers II), legato alla dinastia dei Brueghel per aver sposato Anna, figlia di Ambrosius. Il giovane Teniers fu un artista di grande talento e di enorme successo. Pittore di corte dell’arciduca Leopoldo Gugliemo, prima, e di Giovanni d’Austria, poi, fondatore dell’Accademia Reale di Belle Arti di Anversa, gli sono attribuite circa duecento opere, le migliori delle quali rappresentano scene di genere, di vita agreste e scene d’interno in taverne, come Contadini in una taverna, nella quale inserisce anche se stesso nelle sembianze di un villano intento a bere e fumare.

Accompagna l’iniziativa un volume (bilingue italiano-inglese) edito da Silvana editoriale, con contributi dei curatori e saggi di Klaus Ertz, autore del catalogo ragionato di Jan Brueghel il Vecchio, Pieter Brueghel il Giovane e Jan Brueghel il Giovane, del presidente del Dipartimento di Storia dell’Arte all’Università di Gand Maximilian Martens e di  Jan de Maere, presidente della Camera degli Esperti del Belgio.

Anche quest’anno, all’esposizione si affianca come evento parallelo di approfondimento didattico, un progetto teatrale, a cura di Teatro in Mostra di Como. Nato da un’idea di Laura Negretti, la pièce analizza uno dei temi fondamentali della pittura fiamminga: i sette vizi capitali. Per farlo, si racconteranno sette storie, ispirate a grandi capolavori letterari (dalle novelle del Boccaccio ai giorni nostri) per definire ciascun vizio in modo divertente, spiazzante e a volte grottesco; così come grottesca è spesso la realtà filtrata dagli occhi di Brueghel e Bosch.

Lo spettacolo nasce per essere rappresentato in uno dei suggestivi saloni di Villa Olmo, per far vivere agli spettatori l’esperienza unica di un teatro che rompe e reinventa il rapporto con lo spettatore.

 

Brueghel-artslife.com
Pieter Brueghel il Giovane, Festa di matrimonio all’aperto, 1610 ca., olio su tavola, 74,2×94 cm

_____________________________________
INFORMAZIONI UTILI:

La dinastia Brueghel
a cura di Sergio Gaddi e Doron J. Lurie
24 marzo – 29 luglio 2012
Como, Villa Olmo – via Cantoni 1
ORARI
da martedì a giovedì: 9 -20; da venerdì a domenica: 9 -22 (la biglietteria chiude un’ora prima);
lunedì chiuso
BIGLIETTI
Intero : 10 €; Ridotto : 8 € (visitatori oltre 65 anni e tra 6 e 18 anni, universitari fino a 26 anni, gruppi di almeno 25 persone con ingresso gratuito per l’accompagnatore, categorie convenzionate); Ridotto scuole : 5 € (gruppi scolastici di almeno 25 persone con ingresso gratuito per due accompagnatori); Gratuito : bambini fino a 6 anni, disabili con accompagnatore
CATALOGO

Silvana Editoriale; www.silvanaeditoriale.it
VISITE E ATTIVITÀ PER ADULTI
Visita guidata (fino a 25 persone): 100 €
Teatro in mostra (ingresso singolo, con un minimo 20 iscritti su prenotazione): 5 €; libero con biglietto della mostra
VISITE E ATTIVITÀ PER LE SCUOLE
Visita guidata (fino a 25 persone): 50 €
Visita guidata + laboratorio didattico (fino a 25 persone): 70 €
Laboratorio didattico (ingresso singolo, senza visita guidata): 2 €
Teatro in mostra (ingresso singolo, con un minimo di 20 iscritti su prenotazione): 3 €
SERVIZI
Servizio audioguide
Guardaroba gratuito obbligatorio
Ristorante e bar nel parco di Villa Olmo
Accesso e servizi per disabili
APERTURE SPECIALI FESTIVITA’
9 aprile, 23, 25, 30 aprile, 1 maggio, 2 giugno
PASS DELLA CULTURA
Il biglietto della mostra permette l’ingresso gratuito illimitato fino al 29 luglio 2012 nei musei cittadini:
Museo Archeologico Giovio, piazza Medaglie d’Oro, 1
Museo Storico Garibaldi, piazza Medaglie d’Oro, 1
Museo didattico della Seta, via Castelnuovo, 9
Pinacoteca Civica, via Diaz, 84
Tempio Voltiano, Lungo Lario Marconi
Orari musei
martedì, giovedì, venerdì e sabato: 9.30 – 12.30, 14.00 – 17.00
mercoledì: 9.30 – 17.00 – domenica: 10.00 – 13.00; lunedì chiuso
Orari Museo didattico della Seta
da martedì a venerdì: 9 -12, 15 -18
Orari Tempio Voltiano
da martedì a domenica: 10.00 – 12.00, 15.00 – 18.00; lunedì chiuso

 

Commenta con Facebook

leave a reply

*