Menu di navigazione+


ARTISTI: A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


Cerca
In

Leopoldo Battistini

Leopoldo Battistini (Jesi, 12 gennaio 1865 – Lisbona, 4 gennaio 1936) è stato un pittore e ceramista italiano.

Biografia

Battistini Leopoldo, nacque a Iesi il 12 gennaio 1865 da Giambattista. Studiò all’Accademia di Belle Arti di Firenze col Coppedè e a quella di Roma con il Maccari. A ventidue anni vinse un concorso internazionale e fu nominato professore di disegno e di pittura presso la scuola industriale Brotero di Coimbra, dove restò per quattordici anni.

Poi per volere, pare, del re Carlo I, che voleva seguire i suoi corsi sull’arte del pastello e desiderava averlo tra gli artisti della capitale, fu chiamato (1903) ad insegnare nella scuola industriale marchese di Pombal in Lisbona, dove visse fino alla morte. Fu famoso pastellista e ritrattista: lo stesso Carlo I si fece da lui ritrarre (Aula magna dell’univ. di Coimbra).

Ma la sua fama è soprattutto legata all’intensa attività di ceramista, per la quale egli passa come il rinnovatore dell’industria artistica della ceramica in Portogallo. A Lisbona, infatti, il Battistini diresse la fabbrica di ceramica “Constância”, dalla quale uscirono i suoi lavori migliori.

Attraverso il restauro delle decorazioni ad azulejos, egli si perfezionò tanto in questa tecnica, ormai decaduta, da riuscire a riportarla in auge con la collaborazione della sua allieva Maria de Portugal.

Tra le sue numerose opere, in cui non mancano richiami a Luca della Robbia, studiato probabilmente durante il suo soggiorno giovanile a Firenze, vanno ricordate il S. Giovanni Battista del Giardino José Bento, antico Largo de S. João, a Castelo Branco, il S. Bernardo del Museo-Biblioteca Almeida Moreira a Viseu; inoltre una brutta opera, in cui il B. mescolò iconografia quattrocentesca e retorica fascista: la Madonna del Fascio, che, spedita a Roma, fu dapprima esposta a palazzo Braschi e quindi sistemata nella chiesetta di Predappio.

Il B. morì a Lisbona il 4 gennaio del 1936.

Egli partecipò a numerose esposizioni: dal 1895 a quelle del Gremio Artístico; dal 1903 a quelle della Società Nazionale di Belle Arti di Lisbona.

Quasi tutte le sue opere si trovano in Portogallo, soprattutto nel Museo municipale di Lisbona, a cui egli donò la maggior parte della sua produzione; altri suoi lavori (L’antica cattedrale di Coimbra, 1895; il pastello Testa di donna, 1904) sono conservati in varie collezioni private.

 

Translate »
Vai alla barra degli strumenti
ArtsLife History

GRATIS
VIEW