Print Friendly and PDF

“Gli anni più felici della mia vita”. Marina Abramovic ricorda l’intenso rapporto con Ulay

Ulay bacia la mano di Marina Abramovic Marina Abramovic e Ulay Amsterdam, 1981 Fonte foto Artforum
Ulay bacia la mano di Marina Abramovic
Marina Abramovic e Ulay – Amsterdam, 1981 – Fonte foto Artforum

Dopo due mesi dalla morte di Ulay, Marina Abramovic dedica un intenso ricordo al loro intenso rapporto: “Penso alla totale libertà che abbiamo avuto. Alcuni degli anni più felici della mia vita”

In ricordo di Ulay (1943-2020)

Poco dopo la morte di Ulay (pseudonimo di Frank Uwe Laysiepen) dello scorso 2 marzo, Marina Abramovic aveva condiviso sulla sua pagina Facebook un breve pensiero dedicato al suo ex partner di oltre dodici anni di intensa vita privata e artistica. C’è chi ha pensato fosse un po’ freddo, quasi di circostanza.

Per quale motivo Marina Abramovic, che del rapporto con Ulay aveva fatto una live performance perenne, anche dopo la separazione (come nell’iconico incontro al Moma di New York), chiudeva una storia così complessa e travolgente con poche e (ammettiamolo) scontate parole?

Marina Abramovic e Ulay al Met
Marina Abramovic e Ulay al Moma

Per il momento non è dato saperlo. Per una volta, le emozioni sono rimaste private. Come si dice, è calato il sipario. E il dolore questa volta, è rimasto invisibile al pubblico. Forse Marina aveva bisogno di elaborare intimamente un lutto importante come quello di un compagno con il quale ha condiviso il percorso più importante della sua vita.

Non è un caso che, dopo due mesi di silenzio, l’artista abbia sentito la necessità di condividere su Artforum un suo affettuoso ricordo della travolgente storia d’amore e professionale con Ulay.

“Ulay, il mio ex partner in amore e nell’arte, è morto quest’anno e ho perso un caro amico. Era un artista e un essere umano eccezionale”

Inizia così il ricordo di Marina in memoria di Ulay. Dal primo colpo di fulmine nel 1975 ad Amserdam, fino all’addio nel 1988, quando si incontrarono a metà strada sulla Grande Muraglia, dopo un cammino verso l’altro di tre mesi.

Vita nomade, totale libertà

Nel racconto, l’artista non passa in rassegna tutte le performance oltre i limiti fisici e mentali condivise con l’ex compagno. Pone invece l’accento soprattutto sugli esordi della loro avventura, non nascondendo una certa nostalgia, nel ricordare il loro girovagare per l’Europa con un vecchio furgone Citroën (ex cellulare della Polizia olandese) e il loro cane Alba. Una vita nomade per molti anni, senza acqua corrente, senza riscaldamento, vivendo del poco che riuscivano a guadagnare dalle loro performance:

“Nel ricordare quegli anni, penso alla totale libertà che abbiamo avuto. Sono stati alcuni degli anni più felici della mia vita”, scrive l’Abramovic nel suo memoriale per Ulay.

Il manifesto di Art Vital

E proprio in ricordo di quei formidabili anni, l’artista condivide anche il manifesto che aveva scritto allora con Ulay, intitolato “Art Vital“:

Nessuna dimora fissa

Movimento permanente

Contatto diretto

Relazione locale

Autoselezione

Superare i limiti

Assunzione dei rischi

Nessuna prova

Nessuna fine prefissata

Nessuna replica

Estesa vulnerabilità

Esposizione al caso

Reazioni primarie

Marina Abramovic e Ulay, Rest Energy
Marina Abramovic e Ulay, Rest Energy

Del nostro lavoro rimarrò orgogliosa per tutto il tempo in cui vivrò

Nel descrivere la loro vicenda personale, Marina non nasconde la difficoltà di un rapporto “combustivo” tra due personalità così cariche di energia come le loro:

“Tuttavia, in qualche modo, siamo riusciti a sfruttare quell’energia e usarla nella nostra vita e nel nostro lavoro, lavoro di cui rimarrò orgogliosa per tutto il tempo in cui vivrò.

Energia maschile e femminile unite in un unico elemento  che avevano chiamato “Quell’Io”.

Quello che univa i due, ricorda Marina, era soprattutto il rapporto con la verità. Senza compromessi, per quanto scomoda a volte possa apparire.

“Ulay era un artista genuino. Si dedicava completamente alla sua arte e alle persone a lui vicine.  Abbiamo avuto la nostra parte di scontri nel corso degli anni, ma tutto ciò che rimane oggi è amore e gratitudine”.

Commenta con Facebook

Altri articoli

05 Ago 2020 1.30 pm

Jeff Koons, Marina Abramović, Kaws e altri 200 artisti hanno disegnato le bandiere che ora sventolano…

Marina Abramović. Portrait with Flowers, 2009

07 Mar 2017 9.56 pm

Nella giornata dedicata al gentil sesso, rendiamo omaggio alle paladine del contemporaneo che hanno…

Marina Abramović, The Cleaner

31 Dic 2018 12.27 am

Continua ad affascinare la mostra di Marina Abramović, The Cleaner, inaugurata il 21 settembre, inserendosi…

Marina Abramović - Balkan Baroque (Bones), 1997 Courtesy of Marina Abramović Archives e LIMA © Marina Abramović. Marina Abramović by SIAE 2018

30 Set 2018 10.12 pm

Per la sua prima mostra dedicata a un’artista donna, Palazzo Strozzi sceglie Marina Abramović, alla…

Marina Abramović Rhythm 0 Performance, 6 hours, Studio Morra, Naples, 1974 © Marina Abramović Photo: © Donatelli Sbarra Courtesy of the Marina Abramović Archives VG Bild-Kunst, Bonn 2018

01 Mag 2018 12.49 am

I due sono apparsi più affiatati che mai alla presentazione della grande retrospettiva europea  dedicata…

Marina Abramović

14 Dic 2018 1.30 pm

Marina Abramović progetterà assieme a James Turrell la spa di un hotel in Tasmania , promosso dall’eclettico…