Print Friendly and PDF

Magiche fioriture d’Oriente. Il fascino della botanica giapponese in scena a Milano

Tadashi Fukasawa, The garden of sweat flag in Horikiri at Tokyo, 1901 – 1908 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Tadashi Fukasawa, The garden of sweat flag in Horikiri at Tokyo, 1901 – 1908 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
29 ARTS IN PROGRESS gallery di Milano presenta, in collaborazione con il MUSEC di Lugano, la mostra Blooming Japan, curata da Moira Luraschi. L’esposizione – che si terrà dal 13 aprile al 29 maggio 2021 – riunisce una raffinata selezione di trenta opere, tra fotografie giapponesi all’albumina dipinte a mano e collotipi, risalenti al periodo tra fine Ottocento e inizi Novecento. Le opere appartengono alla Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone di Zurigo, la cui collezione di fotografie nipponiche dipinte a mano – tra le più ampie al mondo – è stata concessa al MUSEC nel 2012.

Le fotografie esposte sono esempi eccellenti della cosiddetta Scuola di Yokohama, nata in Giappone nella seconda metà dell’Ottocento grazie all’incontro tra la tecnica fotografica di importazione occidentale e la maestria secolare dei pittori locali: opere senza eguali al mondo per raffinatezza della ricerca compositiva e finissima colorazione delle immagini.

Ogawa Kazumasa, Ragazza tra fiori di ciliegio, 1890 ca Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Ogawa Kazumasa, Ragazza tra fiori di ciliegio, 1890 ca Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone

La fotografia giapponese del periodo Meiji (1868-1912) si è sviluppata per la necessità dei primi viaggiatori occidentali di portare con sé un ricordo di un Paese che – in concomitanza con la riapertura delle sue frontiere – si avviava a una rapida e radicale modernizzazione. Rappresenta inoltre una preziosa testimonianza della società giapponese di quei tempi: la fotografia della Scuola di Yokohama esprime un senso di nostalgia per un meraviglioso quanto fragile universo esotico, destinato a scomparire all’alba del XX secolo.

Anonimo, Nara-ya Garden Miyanoshita, 1890 ca Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Anonimo, Nara-ya Garden Miyanoshita, 1890 ca Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Anonimo, Casa da tè con glicini al Kameido a Tokyo, 1880 ca Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Anonimo, Casa da tè con glicini al Kameido a Tokyo, 1880 ca Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone

L’esposizione

La mostra si focalizza su fiori e giardini giapponesi, tripudio di botanica orientale. Protagonista principale è la natura e – specificatamente – la primavera, che della natura rappresenta il risveglio e il fiorire: la sua fotografia omaggia tanto la bellezza effimera dei fiori quanto quella della vita, in un’ode al presente e all’eterno alternarsi tra esistenza, morte e rinascita. Se i giardini sono correlati alla dimensione dello spazio come ricostruzione di un cosmo in miniatura, il concetto di “fiore” è inteso nella sua mutevolezza con minimi cambiamenti che, associati all’alternarsi delle fioriture in una visione del tempo ciclica (tipica dell’Estremo Oriente), si fondono con il concetto di impermanenza buddhista, chiamata in sanscrito Anitya.

Ogawa Kazumasa, Peonia, 1896 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Ogawa Kazumasa, Peonia, 1896
Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Adolfo Farsari, Nikko Kaido, 1880-1890 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Adolfo Farsari, Nikko Kaido, 1880-1890 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone

In esposizione vi sono opere di alcuni grandi nomi della fotografia di Yokohama, come il vicentino Adolfo Farsari e i giapponesi Kusakabe Kimbei, Esaki Reij e Ogawa Kazumasa. Quest’ultimo è stato il fondatore della prima azienda giapponese di collotipia, processo di riproduzione tipografica che usa matrici piane costituite da una lastra sulla quale è disteso uno strato di colla o di gelatina; la lastra viene impressionata alla luce sotto il negativo dell’originale che deve essere riprodotto e sviluppata in acqua (le parti non impressionate rifiutano l’inchiostro, mentre quelle impressionate lo trattengono e spiccano in rilievo). Per le caratteristiche di tale processo di stampa, i fiori di Ogawa Kazumasa oltrepassano i codici consueti della rappresentazione ottocentesca della natura, per porsi deliberatamente sulla sottile linea di confine che separa la fotografia dalle arti pittoriche.

Un mondo, quello del Sol Levante, poco conosciuto ai più e tutto da scoprire.

Ogawa Kazumasa, Ciliegio, 1896 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Ogawa Kazumasa, Ciliegio, 1896
Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Ogawa Kazumasa, Iris, 1896 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Ogawa Kazumasa, Iris, 1896
Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Ogawa Kazumasa, Iris, 1896 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Ogawa Kazumasa, Crisantemo, 1896
Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Anonimo, Ciliegi fioriti a Yokohama, 1880-1900 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone
Anonimo, Ciliegi fioriti a Yokohama, 1880-1900 Copyright © MUSEC / Fondazione Ada Ceschin e Rosanna Pilone

 

29 ARTS IN PROGRESS gallery

Via San Vittore 13, Milano

dal 13/04/2021 al 29/05/2021 (salvo diverse disposizioni per norme antipandemiche)

Ingresso libero

Aperta da martedì a sabato ore 11-19

Mail per prenotazione: staff@29artsinprogress.com

Tel. + 39 02 94 38 71 88

Commenta con Facebook