Print Friendly and PDF

Addio a Robert Indiana, l’artista di “Love”

robert indiana
robert indiana
Robert Indiana

Si è spento sabato 19 maggio all’età di 89 anni l’artista Robert Indiana, conosciuto soprattutto per la sua serie di sculture ‘LOVE’ degli anni ’60.

Considerato tra i maggiori esponenti della Pop ArtIndiana (vero nome Robert Clark) ha però affrontato anche importanti questioni sociali e politiche e incorporato riferimenti storici e letterari nelle sue opere. Il 1966 segna una svolta nella carriera dell’artista proprio grazie a LOVE, opera che aveva debuttato alla Stable Gallery di New York. Nel 1965 era stata scelta anche dal MoMa di New York come Christmas Card. Diventa così una vera e propria icona. Tanto da venir riprodotta su 330 milioni di francobolli (1973), permettendo all’arte di Indiana di viaggiare per il mondo. Ma allo stesso tempo è diventata anche una sorta di arma a doppio taglio: l’artista è stata infatti identificato dai più solo con quest’opera che è anche stata riprodotta innumerevoli volte senza autorizzazioni.

Robert Indiana
LOVE stamp, commemorative eight-cent postage stamp commissioned by the U.S Postal Service in 1973 and 1974.
PHOTO COURTESY PORTLAND MUSEUM OF ART, MAINE

Indiana ha scelto di allontanarsi dal mondo dell’arte e da New York alla fine degli anni Settanta. Nel ’78 si trasferisce infatti in una remota isola di Vinalhaven nel Maine. La sua carriera è culminata con una retrospettiva intitolata “Beyond Love” al Whitney Museum di NYC nel 2013.

E’ apparso anche nel film Eat (1964) di Andy Warhol, che consiste in un’unica ripresa da 45 minuti di Indiana che mangia un fungo.

Robert Indiana
Indiana and Andy Warhol in Warhol’s loft, 1964.
PHOTOGRAPH BY BRUCE DAVIDSON. © BRUCE DAVIDSON/MAGNUM PHOTOS, REPRODUCED COURTESY OF MAGNUM PHOTOS, NEW YORK

Le sue opere si trovano in collezioni di musei di tutto il mondo: al MoMA e al Whitney Museum di New York, alla National Gallery of Art, al Hirshhorn Museum and Sculpture Garden e allo Smithsonian Museum of American Art a Washington, D.C., alla Albright-Knox Art Gallery a  Buffalo, New York, al San Francisco Museum of Modern Art, alla Menil Collection a Houston, Texas, al Currier Museum of Art, Manchester (New Hampshire), al Museum Ludwig a Colonia, allo Stedelijk van Abbemuseum a Eindhoven, in Olanda, al Museum Ludwig a  Vienna, al Shanghai Art Museum in Cina e alll’Israel Museum a Gerusalemme.

robert indiana
The Cardinal Numbers (1966) installed in the exhibition American Painting Now at Expo ’67, Montreal.
PHOTOGRAPHER UNKNOWN. IMAGE COURTESY OF THE ARTIST.

Maggiori informazioni sull’artista, sul suo sito ufficiale

Commenta con Facebook

leave a reply

*