Print Friendly and PDF

Doni d’artista all’asta da Christie’s. A Parigi in vendita 22 opere per il “Consortium”

2018_par_16170_0003_000brian_calvin_new_bloom BRIAN CALVIN (NÉ EN 1969) New Bloom Estimate EUR 25,000 - EUR 35,000 (USD 29,438 - USD 41,213)
LOT 28 NICOLAS DE STAËL (1914-1955) Fleurs Estimate EUR 3,500,000 - EUR 5,500,000
LOT 28
NICOLAS DE STAËL (1914-1955)
Fleurs
Estimate EUR 3,500,000 – EUR 5,500,000

Sarà in parte dedicata ai 40 anni del Centro per l’Arte Contemporanea Consortium (Dijon) l’asta di Christie’s di arte moderna e contemporanea del prossimo 7 giugno a Parigi.

La prima parte del catalogo raccoglie  22 opere donate direttamente da artisti dell’arte contemporanea al fine di sostenere l’istituzione francese nella sua mission. Gli stessi “donatori” hanno infatti trovato nel Consortium supporto, spesso il centro è stato per loro un trampolino di lancio per la carriera. Fra questi artisti  troviamo nomi come: Dominique Gonzalez-Foerster, Pierre Huyghe, Ugo Rondinone e Richard Prince. 

>> Il CONSORTIUM. Definito recentemente anche dal New York Times come “Museo francese lontano dai riflettori ma che predice senza far rumore la prossima “grande cosa” nell’arte”, da più di 40 anni porta avanti un’importante azione di promozione e sostegno della produzione artistica contemporanea francese e internazionale.
Nato nel 1977 come progetto di un gruppo di studenti universitari con a capo Xavier Douroux e  Franck Gautherot,  ha saputo negli anni trovare il sostegno di numerosi partner e soprattutto degli artisti stessi. Le prime sperimentali esposizioni hanno visto protagonisti quelli che  poi sono diventati i grandi nomi dell’avanguardia degli anni ’70 come Christian Boltanski, Annete Messager, Cindy Sherman, Daniel Buren, Carl Andre, Richard Prince, Bertrand LavierHans Haacke. Gli anni Ottanta furono invece dedicati alla promozione dell’arte minimalista e concettuale, la Picture Generation e le nuove sperimentazioni astratte estensione del Neo-Geo Movement. In seguito il Consortium ha supportato tutta la generazione di artisti che sono considerati emergenti oggi, nomi noti del mondo dell’arte contemporanea, come gli Young British Artists, Liam Gillick, Angela Bullock, Dominique Gonzalez-Foerster, Maurizio Cattelan, Carsten Höller, Pierre Huyghe, Ugo Rondinone, Jorge Pardo, Philippe Parreno.

consortium

E’ stato proprio il Consortium a commissionare a Pierre Huyghe nel 2011 il padiglione francese alla Biennale di Venezia che vinse il Leone d’Oro. Sempre il Centro  è stato artefice della “riscoperta” integrale del lavoro di  Yayoi Kusama, tenendo una vasta retrospettiva che ha poi viaggiato nel mondo, contribuendo sicuramente a renderla oggi  una star nota a livello internazionale.

Oggi però questa importante istituzione si trova in difficoltà, non solo economica, ma anche gestionale, essendo venuto a mancare quello che era stato fin dalle origini il grande animatore, Xavier Douroux. Tuttavia l’istituzione è anche decisa a portare avanti la propria missione per sostenere ancora una produzione contemporanea che possa interpretare al meglio i bisogni del presente. Per questo, per raccogliere risorse fondamentali a portare avanti questo grande impegno, si è deciso di sollecitare l’aiuto degli artisti stessi, i quali hanno risposto con una  generosità che ha superato ogni aspettativa, offrendo questi 22 lavori, come ultimo significativo omaggio all’azione svolta dall’istituzione e dal suo appassionato fondatore Xavier Douroux.

Abbiamo sfogliato per voi il catalogo di questi consistenti doni, e fra le opere offerte in asta nella serata del 7 giugno vi segnaliamo:

  • Ugo Rondinone con  Zehnterjunizweitausendundsechzehn (2016) titolo che richiama alla data di realizzazione dell’opera e al  tempo e spazio, irradiando colori pop dell’anima contemporanea.  Stima €50,000–70,000
    rondinone-christie's
    UGO RONDINONE (NÉ EN 1964)
    Zehnterjunizweitausendundsechzehn
    Estimate
    EUR 50,000 – EUR 70,000
    (USD 58,875 – USD 82,425)

     

  • Brian Calvin artista californiano, che avevamo visto anche a Milano lo scorso anno a Cabinet, qui presente con New Bloom (2017) uno dei suoi ritratti inespressivi ma densi di egocentrismo contemporaneo. Stima €25,000–35,000
2018_par_16170_0003_000brian_calvin_new_bloom
BRIAN CALVIN (NÉ EN 1969)
New Bloom
Estimate EUR 25,000 – EUR 35,000 (USD 29,438 – USD 41,213)

 

  •  Richard Prince con Untitled (man’s hand on pocket with watch) 1980 Stima:€20.000/30.0000
    2018_par_16170_0006_000richard_prince_untitled_1980
    RICHARD PRINCE (NÉ EN 1949)
    Untitled (man’s hand on pocket …
    Estimate EUR 20,000 – EUR 30,000 (USD 23,550 – USD 35,325)

     

  • Christopher Wool con un  magnifico lavoro Untitled  del 2016, dove il gesto pittorico energico esprime quella continua tensione fra intenzionale e inatteso, fra ciò che è dipinto meccanicamente e ciò che, nel gesto umano, prende espressione diversa anche grazie all’imprevedibilità. Stima €100.000-150.000
    2018_par_16170_0007_000christopher_wool_sans_titre
    CHRISTOPHER WOOL (NÉ EN 1955)
    Sans titre
    Estimate EUR 100,000 – EUR 150,000 (USD 117,750 – USD 176,626)

     

  • C’è anche l’italiano Roberto Cuoghi, definito nel catalogo “artista proteiforme”, che non ha mai smesso di interrogarsi sulle questioni dell’identità, metamorfosi e ibridazione, in una sperimentazione costante fra vari medium espressivi. L’opera presentata in asta  SS(LXXXVIIP), fa parte dalla serie densa di simboli e segni in ceramiche Putiferio del 2018 dedicata, su invito di un suo collezionista, all’isola greca di IdraStima: €20.000 /30.000
    018_par_16170_0010_000roberto_cuoghi_ssc_from_the_putiferio_series
    ROBERTO CUOGHI (NÉ EN 1973)
    SS(LXXXVIIP)c. From the Putiferio series
    Estimate
    EUR 20,000 – EUR 30,000
    (USD 23,550 – USD 35,325)

     

  • Rodney Graham con Awakening del 2006 (esposta anche nella galleria di Zurigo di Hauser & Wirth). Consortium aveva organizzato una importante esposizione di questo artista nel 2017. Stima:€ 60.000/80.000. 
    2018_par_16170_0015_000rodney_graham_awakening
    RODNEY GRAHAM (NÉ EN 1949)
    Awakening
    Estimate EUR 60,000 – EUR 80,000 (USD 70,650 – USD 94,200)

     

  • C’è anche un’opera alquanto emblematica della nota artista Dominique Gonzales-Fester, fra i precursori delle opere ambientali. La donna si è sempre mossa in un terreno ibrido fra narrazione video, installazioni e performance che rendono l’opera una “esperienza”. In questa particolare serie di impressioni su carta l’artista invece assume ogni volta  un personaggio reale o funzionale, come appunto nell’opera presentata EAP (M.2062), 2014 dove  diventa il visionario scrittore Edgar Allan Poe, come un riferimento alla fuga dalla regolarità  alla ricerca invece dell’irregolarità della creatività e della fantasia libera di debordare, a cui sembrano invitare tutte le sue opere.  Stima:€ 8.000-12.000
    2018_par_16170_0016_000dominique_gonzalez-foerster_eap_2014
    DOMINIQUE GONZALEZ-FOERSTER (NÉE EN 1965)
    EAP (M2062), 2014
    Estimate EUR 8,000 – EUR 12,000 (USD 9,420 – USD 14,130)

     

  • Pierre Huyghe è presente con l’opera  Timekeeper del 2018, un intervento murale in situ realizzato per il Consortium, con l’intento di mettere in discussione l’ideologia del silente White cube Stima €60.00/80.000.
    2018_par_16170_0017_000pierre_huyghe_timekeeper
    PIERRE HUYGHE (NÉ EN 1962)
    Timekeeper (Drill Core)
    Estimate EUR 60,000 – EUR 80,000 (USD 70,650 – USD 94,200)
  • François Morellet, artista francese ormai ben noto anche nel mercato italiano, è presente in catalogo con la composizione geometrica Pinox n°3, 1=10°.   Stima:€8.000 /12.000.
    2018_par_16170_0022_000francois_morellet_pinox_n3_110
    FRANÇOIS MORELLET (1926-2016)
    Pinox n°3, 1=10°
    Estimate EUR 8,000 – EUR 12,000 (USD 9,420 – USD 14,130)

L’asta prosegue poi con altri lotti appartenenti anche a importanti collezioni private.

  • L’artista del design francese FRANÇOIS-XAVIER LALANNEgià protagonista nelle ultime aste di Christie’s Londra e NY, e qui presente con una deliziosa lampada dalle forme di uccello. Stima: €120.000-180.000.
2018_par_16170_0023_000francois-xavier_lalanne_lampe_grand_echassier
FRANÇOIS-XAVIER LALANNE (1927-2008)
Lampe Grand Echassier
Estimate EUR 120,000 – EUR 180,000 (USD 141,301 – USD 211,951)
  • Dalla collezione di famiglia che andrà a beneficio della HILLMAN Fondation, vi segnaliamo un’opera di JEAN DUBUFFET, Partition  del 1965: una  bella composizione di cellule colorate che fluttuano quasi in un ritmo musicale. Stima: €600.000/800.000. 
2018_par_16170_0024_000jean_dubuffet_partition
JEAN DUBUFFET (1901-1985)
Partition
Estimate EUR 600,000 – EUR 800,000 (USD 706,503 – USD 942,004)
  • Dalla collezione di Jacqueline & Jean Hélion troviamo invece un  mobiles di Alexander Calder del 1963, con tutto il suo magnifico equilibrio formale sospeso e danzante. Era stato proprio a Parigi che Calder aveva iniziato a creare la poesia dei suoi memorabili mobiles, in un periodo trascorso nella Ville Lumière  dove  era diventato amico di vari artisti dell’avanguardia francese fra cui anche Hélion. A lui donò quest’opera come regalo di nozze quale testimonianza della trentennale amicizia fra i 2.  Stima: €800.000/1.200.000 
2018_par_16170_0025_000alexander_calder_sans_titre
ALEXANDER CALDER (1898-1976)
Sans titre
Estimate EUR 800,000 – EUR 1,200,000 (USD 942,004 – USD 1,413,005)
  • Interessante e alquanto insolita anche l’opera del 1962 di Martial Raysse, Béatrice (title bleu) , parte di una serie di opere realizzate dall’artista su specchi, andando a utilizzarne il potere del riflesso per fare entrare nell’opera lo spettatore,  un po’ come parallelamente faceva in quegli stessi anni anche il nostro Michelangelo Pistoletto. Qui la bellezza femminile viene però esaltata nella sua messa in scena di cosmetici e moda: è questa per Raysse la Monnalisa degli anni ’60, una figura abbellita e “cotonata” con oggetti incollati sullo specchio, simboli delle due industrie che dominano una bellezza artificiale e mercificata. €600.000/800.000
2018_par_16170_0026_000martial_raysse_beatrice
MARTIAL RAYSSE (NÉ EN 1936)
Béatrice (titre bleu)
Estimate EUR 600,000 – EUR 800,000 (USD 706,503 – USD 942,004
  • Immancabile poi un Hans Hartung, in un momento di particolare interesse internazionale verso l’artista. Troviamo qui una desiderabile opera del 1955, T 1955-9 , che pensiamo non faticherà a superare la stima di € 650.000-850.000.
2018_par_16170_0027_000hans_hartung_t_1955-9
HANS HARTUNG (1904-1989)
T 1955-9
Estimate EUR 650,000 – EUR 850,000 (USD 765,378 – USD 1,000,879)
  • Altra opera imperdibile,  a cui è dedicata anche copertina del catalogo,  è la poesia cromatica di Fleurs di NICOLAS DE STAËL del 1952:  un’opera di prestigio,  come testimonia il notevole curriculum (fece parte anche della prima importante esposizione di de Staël ) e datata a un anno decisivo per la sua carriera artistica, in cui decise di uscire dall’atelier e confrontarsi definitivamente con la realtà, e parallelamente la sua tavolozza si era accesa dei toni caldi della luce del sud, in cui aveva passato parte di quell’anno.   Il valore dell’opera è del resto confermato  già dalla stima iniziale di ben €3.500.000/5.000.000
2018_par_16170_0028_000nicolas_de_stael_fleurs
NICOLAS DE STAËL (1914-1955)
Fleurs
Estimate
EUR 3,500,000 – EUR 5,500,000
(USD 4,121,265 – USD 6,476,274)

Altri notevoli nomi presenti in asta sono: due grandi artisti giapponesi quali Yayoi Kusama (Infinity Nets, 2005, stimato € 500.000/700.000) e Kazuo Shiraga (Chikakusei Dokukakuryu, 1962 stimato € 800.000/1.200.000 milioni); importanti nomi del panorama francese come Pierre Soulage (Peinture 227 x 306 cm, 2 mars 2009, stimata € 1/1.5 milioni),  Jean Paul Riopelle (in particolare con un Sans Titre del 1954 stimato € 500.000-700.000) e Niki De Saint Phalle, Dawn (Saune), del 1995 stimata € 200.000/300.000,  ma anche altri importanti nomi dello scenario americano e internazionale come un Homage to the Square di Josef Albers (Friendly sky, 1958b,  stimato € 200.000/300.000), un altro artista che vede negli ultimi tempi sempre più mostre dedicate e interesse quale Georg Baselitz  (Ekeby, 1943 , stimato € 140.000/200.000) e la simpatica scultura di Keith Haring del 1986 (Stimata € 250.000/350.000)

2018_par_16170_0034_000yayoi_kusama_infinity_nets
YAYOI KUSAMA (NÉE EN 1929)
Infinity nets
Estimate EUR 500,000 – EUR 700,000 (USD 588,752 – USD 824,253)

Nella Day Sale del giorno successivo (8 giugno), vi segnaliamo invece fra gli highlight: due magnifici Matta (Sans Titre, 1963, stimato €100.000/150.000 e Ecrire son cri, 1970 stimato€60.000/80.000), una composizione dai consueti cromatismi fosforescenti di Peter Halley (Optimized input, 2000, stima:€50.000/70.000), la contorta scultura rossa di Tony Cragg (Red square, €80.000/100.000) e  l’opera del 2008  di Gilbert &George proveniente dalla galleria napoletana Alfonso Artiaco (White hands, €60.000/80.000) .

 

2018_par_16169_0172_000peter_halley_optimized_input
PETER HALLEY (NÉ EN 1953)
Optimized input
Estimate
EUR 50,000 – EUR 70,000
(USD 58,839 – USD 82,374)

 

2018_par_16169_0141_000matta_ecrire_son_cri
MATTA (1911-2002)
Ecrire son cri
Estimate EUR 60,000 – EUR 80,000
(USD 70,606 – USD 94,142)
2018_par_16169_0205_000gilbert_george_white_hands
GILBERT & GEORGE (NÉS EN 1943 ET 1942)
White hands
Estimate EUR 60,000 – EUR 80,000
(USD 70,606 – USD 94,142)

 

 

Christie’s POST-WAR AND CONTEMPORARY ART Paris, Evening Sale
7 giugno, ore 19.00 (Lotti 1-47)

Christie’s POST-WAR AND CONTEMPORARY ART Paris, Day Sale
8 giugno, ore 14.00 (Lotti 101 – 326)

Esposizione: 1/7 Giugno ore 10.00 /18.00

Christie’s 

Commenta con Facebook

leave a reply

*