Print Friendly and PDF

Cannella e Zenzero: i biscotti perfetti per Natale. La ricetta di Gabriele Tangari

Still Life with Flowers, a Silver-gilt Goblet, Dried Fruit, Sweetmeats, Bread sticks, Wine and a Pewter Pitcher PEETERS, CLARA (Antwerp (?), 1588 - Antwerp (?), 1621)Copyright ©Museo Nacional del Prado
Still Life with Flowers, a Silver-gilt Goblet, Dried Fruit, Sweetmeats, Bread sticks, Wine and a Pewter Pitcher
PEETERS, CLARA (Antwerp (?), 1588 – Antwerp (?), 1621)
Copyright ©Museo Nacional del Prado

Il pasticcere Gabriele Tangari ci racconta i biscotti perfetti per Natale

Il Natale si sta avvicinando e la voglia di preparare i dolci è sempre più forte. Grazie al Pastry Chef Gabriele Tangari avremo qualche tips in più per preparare i tipici biscotti alla cannella e allo zenzero. Tangari grazie alla sua attività come Executive Chef per Uve Srl ed Executive Pastry Chef per l’azienda Arco Srl per la quale ha diretto il laboratorio di Identità Golose Milano, lo stellato Osteria Arborina a La Morra e il Ristorante Lino a Pavia, ha consolidato le capacità necessarie per sovrintendere l’intera complessa attività della pasticceria. A sua detta, i due uomini più importanti per la sua formazione professionale sono stati Gualtiero Marchesi per la cucina e Luigi Biasetto per la pasticceria. Attualmente è consulente di pasticceria in varie aziende lungo tutto lo stivale e si diverte a dare consigli anche sui Social.


I biscotti sono stati protagonisti nell’arte dai Fiamminghi ai Post-Impressionisti: sono buoni e belli, ma talvolta rappresentano significati opposti dall’estrema gioia all’infelicità. Decine di volte sono stati rappresentati dai pittori e questo ci permette di interpretare il biscotto non solo come oggetto buono e gustoso ma anche da un punto di vista storico, culturale e simbolico.

Che cosa rappresentano le feste di natalizie per un pasticcere?

Il periodo del Natale rappresenta per me e penso per la maggior parte degli esercizi commerciali un periodo d’incredibile lavoro. Nel corso di quest’anno mi sono soffermato particolarmente sull’importanza delle emozioni trasmesse ai clienti attraverso i miei prodotti. La più grande fonte d’ispirazione per me sono le persone.
Nella creazione di una nuova ricetta mi piace spesso partire dalla sensazione che voglio creare per arrivare così dritto al cuore.

Svelaci quale sarà il prodotto che non deve mancare nel Natale di un pasticcere.

I biscotti! Ho una sorta di amore incontrastato per la pasticceria secca. Sin da quando ero piccolino ogni Natale con mia nonna e mia mamma prepariamo biscotti da regalare alle persone care. Questa tradizione, a mio modo di vedere, non va abbandonata soprattutto se parliamo di preparazione, di tecnica e di ricette classiche.

Vorresti dare ai nostri lettori una ricetta che possono realizzare a casa?

Assolutamente si! Nelle case dei lettori di ArtsLife non dovranno mancare i biscotti di Natale.

Ingredienti

220g burro
150g zucchero di canna
220g farina tipo “1”
2g chiodi di garofano
8g cannella in polvere
8g zenzero in polvere
300g mandorle filetto
4g sale
70g Albicocca candita
Scorza di 1 limone

Tagliate il burro a pezzi e amalgamatelo con lo zucchero di canna e le varie spezie. Aggiungete poco alla volta la farina e impastate velocemente. In ultimo, unite al composto le mandorle a filetto e il sale. Lasciate riposare l’impasto per circa un’ora in frigorifero. Preriscaldate il forno a 180 gradi. Stendete l’impasto tra due fogli di carta da forno avendo cura di non superare il centimetro e mezzo di altezza. Coppate l’impasto, utilizzando degli stampini natalizi, così otterrete i vostri biscotti. Riponeteli di nuovo in frigorifero. Quando saranno sodi, infornateli a 170 gradi per 10 minuti circa. Potrete conservare questi biscotti in una graziosa scatolina di latta per circa 3 mesi.

Commenta con Facebook