Print Friendly and PDF

Saluti dal “Panorama” dell’Aquila

Luisa Lambri, Panorama L'Aquila, 2023. Ph. Luca Fontana, Alessio Tamborini. Courtesy ITALICS
Maurizio Nannucci, Panorama L’Aquila, 2023. Ph. Luca Fontana, Alessio Tamborini. Courtesy ITALICS
Note a margine della terza edizione della mostra “place-specific” ideata dal consorzio ITALICS che quest’anno arriva in Abruzzo, con la curatela di Cristiana Perrella

Non giriamoci troppo intorno: a quasi quindici anni dal grande sisma che sconvolse L’Aquila nel 2009 fa piuttosto male, per non dire altro, trovare una città ancora in fase di recupero.
Sono i biblici tempi della burocrazia italiana, delle sue leggi anti-semplificazione, degli appalti e della corruzione; sono quei tempi che hanno fatto maturare nei cittadini dell’Aquila la voglia di riscatto, di essere una città dove si viva e non solo si sopravviva – come ha affermato il Sindaco Pierluigi Biondi in occasione della conferenza stampa che ha aperto la terza edizione di “Panorama”, il week end di mostra diffusa ideato dal consorzio ITALICS a seguito della pandemia, che ha visto la sua prima edizione a Procida nel 2021 e lo scorso anno a Monopoli.
Quest’anno, appunto, l’Abruzzo dell’Aquila, “città-scenario” come l’ha definita in diverse occasioni la direttrice artistica, Cristiana Perrella, che con l’arte e la cultura – dall’Università all’Accademia dove nel corso di moltissimi anni aveva insegnato Fabio Mauri, dal Conservatorio alla nuova sede del MAXXI – ha da sempre avuto una intensa frequentazione.
E, infatti, la partecipazione della cittadinanza a “Panorama” – anche in maniera simbolica, di sostegno affettivo – ci è parsa ben più che degna di nota, per ITALICS aver creato un ulteriore gradino verso la riemarginazione della grande ferita di cui L’Aquila mostra ancora i segni visibili sul suo tessuto urbano e nella vita dei suoi abitanti.
Così, stavolta, installare delle suole di pane (Ai piedi del pane, Luca Trevisani, 2023) in un negozio sfitto di via Roio che presto scopriamo nemmeno a farlo apposta essere l’ex spazio di un calzolaio, o costruire un paesaggio di zucchero nella vetrina del Caffè Nurzia (Alek O., Senza titolo (Il giorno della fine non ti servirà l’inglese) 2023, o inserirsi tra i dischi del negozio Sound Garden (Stefania Carlotti, Spring Sunset, 2019) assume un significato del tutto particolare: è il famoso dialogo con la vita della città, anzi, con chi la città la abita di nuovo e non ha nessuna intenzione di mollarla.

Luca Trevisani, Panorama L’Aquila, 2023. Ph. Luca Fontana, Alessio Tamborini. Courtesy ITALICS

Anche questo, in realtà, è un fatto degno di grande attenzione: lo struscio aquilano nel suo Corso Vittorio Emanuele, sul far della sera, unito all’abbondanza di locali che da qualche tempo stanno ripopolando il centro storico, è il segnale tangibile della volontà di volersi riappropriare di un’identità, nonostante tutti i problemi del caso e nonostante un effetto straniante di vetrinizzazione della città, che trova il suo specchio negativo negli abissali silenzi del giorno.
E nonostante “Panorama” duri solamente quattro giorni, lasciando ancora aperto l’interrogativo sulla funzionalità delle manifestazioni-lampo che esplodono sul territorio per scomparire repentinamente, l’arte contemporanea stavolta è quanto mai un innesco per ritornare a solcare i corridoi di vari palazzi – alcuni gravissimamente compromessi dal sisma e oggi “quasi” tornati alla loro vita – tra cui Palazzo Rivera in piazza Santa Maria di Roio.
Questa è senz’altro una delle sedi più “drammatiche” tra le 19 della terza edizione di “Panorama” (su oltre cento visionate da Perrella), dove il bruciore della ferita si mischia a opere di profonda poesia (Chiara Camoni, Sister#2, 2021), di grande ironia (Christian Frosi, Audio 03 Peacock, 2005) altre che sembrano essere state costruite apposta per lo spazio, come ispirate dai brillanti soffitti affrescati, ricostruiti e ridipinti, e allo stesso tempo dall’atmosfera polverosa di un disastro che ogni giorno di più si allontana dalla memoria, specialmente delle giovani generazioni: le immagini di Luisa Lambri, l’installazione con scrivania e luce di Marie Cool e Fabio Balducci, i citofoni cristallizzati in altri tempi e mondi (Sibille, 2017-18) di Davide Monaldi.

Massimo Bartolini, Panorama L’Aquila, 2023. Ph. Luca Fontana, Alessio Tamborini. Courtesy ITALICS

Altra sede degna di nota, con una installazione che mescola lirismo e durezza è lo splendido oratorio di Sant’Antonio dei Cavalieri de Nardis (attiguo a Palazzo de Nardis) in cui Massimo Bartolini “suona” nella struttura di un misterioso pozzo In a Landscape, 2017: un’opera preziosa per educare a un paesaggio, unendo musica, architettura, poesia, design, stucchi e foglia d’oro, mentre Aprutium, 2023, di Giuseppe Stampone ci regala una cartolina d’Abruzzo oltre il tempo e le intenzioni, storia e bic blu.
E forse è intendendo cosa significhi questa polifonia che il paesaggio si trasforma in un “Panorama”.

Commenta con Facebook